Caso biglietti, DeLa alla Procura: “Estraneo ai fatti”

Estimated reading time:0 minutes, 53 seconds

L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport riporta della ‘spedizione’ di Giovanni Fiorentino, collaboratore del Procuratore federale, presso gli uffici della Filmauro.  Aurelio De Laurentiis è stato ascoltato in quello che è parso molto più un interrogatorio a suo favore e non contro il numero uno della SSC Napoli.

“Estraneo ai fatti”, così il presidente si è dichiarato di fronte alle domande relative alla vendita di biglietti finita nelle mani sbagliate. L’ipotesi della Procura è quella che alcuni dei tagliandi in dotazione ai tesserati finiscano agli amici degli amici, che poi si rivelano personaggi ambigui o, peggio, legati alla malavita. De Laurentiis si è detto totalmente estraneo, e del resto la Procura non gli riconosce, almeno per il momento, alcun ruolo nella vicenda. Tanto che l’avvocato Mattia Grassani, che assiste il presidente del Napoli, ha dichiarato: «Consideriamo l’audizione un atto di cortesia della Procura federale a tutela e non contro Aurelio De Laurentiis, che da 14 anni ha dimostrato con i fatti di combattere ogni forma di illegalità». Nei prossimi giorni, il Procuratore federale traccerà una linea ed emetterà gli eventuali deferimenti.