Gonfia la Rete | Not an Ordinary Soccer Site

Sarri: “Manchiamo a livello offensivo, condizionati dal risultato dello Shakhtar”

Tempo stimato per la lettura1minuto, 16secondi

Maurizio Sarri ha analizzato la sconfitta col Feyenoord ai microfoni di Premium Sport: “Ci siamo fatti condizionare pesantemente dalle notizie che arrivavano dall’Ucraina. A livello mentale era un grande allenamento con la difficoltà dell’altro risultato, dobbiamo crescere sotto certi punti di vista. E’ un errore secondo me. Non penserei all’Europa League adesso, ma è una manifestazione che dobbiamo fare con grande determinazione. Una squadra che a livello europeo non ha grandissimi trofei europei non può non onorarla. Ora però dobbiamo pensare a questo finale d’anno pieno di partite. Dobbiamo però fare di meglio e cambiare qualcosa perché sono 2-3 partite che la nostra supremazia territoriale non si trasforma in pericolosità. Ci deve far pensare che non si vedono movimenti e che non siamo pericolosi per la mole di gioco che facciamo. Se il movimento senza palla diventa minore, la velocità perde qualcosa. E’ inevitabile. Dando poche soluzioni al possessore di palla lo sviluppo diventa più blando. La sconfitta con la Juve non può toglierci certezze, piuttosto non facciamo da tre gare le cose che siamo abituati. Vedo pochi di quei movimenti che invece ci facevano essere pericolossimi. E’ un momento in cui ci siamo persi nella fase offensiva. Abbiamo giocatori forti quindi penso che sia un momento. La cattiveria con cui abbiamo giocato dalla mezz’ora in poi è stata nettamente minore e ci ha amplificato molti problemi. Le partite dipendono dalla piega che possono prendere nella fase iniziale. La situazione del City dal punto di vista mentale non era semplice. Il rischio di entrare leggeri c’era” 

FACEBOOK