News

Napoli, che incubo!

Il risveglio dei napoletani non è stato dei migliori, sono in molti a pensare di esser vittime di un incubo ma, purtroppo, non è cosi. La sosta per le nazionali ha lasciato in eredità al Napoli un macigno inaspettato: danni al crociato anteriore per Arkadiusz Milik. Una notizia che ha fatto raggelare tutti, anche lo stesso Milik che, in mixed-zone, aveva dichiarato: “Sto andando a fare la risonanza“.

Il Napoli dopo aver appreso la notizia, sul sito ufficiale, aveva spiegato: “Milik ha procurato il rigore segnato da Lewandowski per il 2-0 e poi è uscito dopo il primo tempo per infortunio. Le sue condizioni saranno valutate nelle prossime ore”. 

Non tutti si aspettavano una notizia così agghiacciante ma, poche ore dopo la mezzanotte, l’addetto stampa della Nazionale polacca Jakub Kwiatkowski  su Twitter comunica la sentenza: “Arek  ha effettuato un esame al ginocchio infortunato che ha mostrato danni al crociato anteriore. Domani tornerà dal suo club, probabile operazione e stop di diversi mesi”.

 

Secondo ‘Przeglad Sportowy’ la rottura del legamento sarebbe parziale e non totale: se così fosse il rientro in campo avverrebbe in tempi leggermente più brevi, magari a febbraio. Il ragazzo è atteso questo pomeriggio a Napoli e già lunedì ci potrebbe esser un consulto a Villa Stuart dal professor Mariani e valutare o meno l’operazione.

 

RICOSTRUZIONE DEL FATTO

Arkadiusz Milik al 35′ del primo tempo si scontra con Vestergaard, scontro che procura il penalty del 2-0 per la Polonia. Troppo forte il dolore per Milik che, dopo la botta al ginocchio sinistro causato dal contrasto non è riuscito a rientrare sul terreno di gioco restando così negli spogliatoi.

LA SOLUZIONE

Lo scenario che si prospetta è che la società di De Laurentiis, che secondo i colleghi della ‘Gazzetta dello Sport’ risulta esser molto arrabbiato, possa fiondarsi sul mercato svincolati per reperire un centravanti in grado di sopperire almeno numericamente alla lunga assenza dell’ex Ajax: Osvaldo, Adebayor, Berbatov, Bergessio e Klose i profili senza squadra maggiormente appetibili.

In alternativa la squadra di Maurizio Sarri potrebbe dar vita ad un tridente ‘leggero’ con Mertens o all’occorrenza Callejon da falso nueve.

IL RISARCIMENTO

In base al FIFA Protection Program, visto l’ingaggio da 2,5 milioni di Milik i partenopei dovrebbero ricevere un indennizzo poco inferiore al milione e mezzo di euro: il compenso è calcolato in un quotidiano risarcimento fino a 20.548 euro giornalieri per un massimo di 365 giorni poichè lo stipendio quotidiano del giocatore viene moltiplicato per i giorni utili ai tempi di recupero.

DI Ilaria Caterina Mondillo