News

L’assurdo viaggio della Roma: ecco il piano sicurezza

L’edizione odierna del Corriere dello Sport ricostruisce il viaggio giallorosso verso Napoli. Ci sono voluti 50 minuti di volo per percorrere 188 chilometri. L’assurdità logistica di Napoli-Roma è in questo spostamento. Invece di muoversi in treno, con l’alta velocità che impiega poco più di un’ora, la Roma è stata obbligata a viaggiare in aereo, noleggiando un charter, per questioni di sicurezza.

I contatti tra le questure hanno suggerito di evitare l’arrivo nel centro città, in un luogo affollato, per poi sistemarsi in uno degli alberghi sul lungomare, davanti a Castel dell’Ovo. La Roma ha scelto invece nuovamente un hotel a ridosso dello stadio San Paolo, che sarà sorvegliato dalla polizia tutta la notte. Le pattuglie delle forze dell’ordine hanno scortato la comitiva fin dalla scaletta dell’aereo a Capodichino e lo stesso faranno per il ritorno, dopo la partita. In nottata un ampio servizio di vigilanza ha impedito a potenziali intrusi di avvicinarsi all’albergo: soltanto i clienti, mostrando la card della stanza, vi hanno avuto accesso. La prudenza non è mai troppa.