News

MATCHANALYSIS – Quando le distanze sono un problema: l’involuzione di Jorginho

La gara contro il Besiktas ha certificato uno sviluppo alternativo della manovra del Napoli: meno giro-palla stretto (che resta, comunque, il tema principale delle azioni offensive) ed in lancio lungo usato per saltare le linee difensive con maggiore continuità. Un’impostazione che penalizza, però, Jorginho: le statistiche InstatScout della gara contro il Besiktas dimostrano le sue difficoltà:

jorginho-stats
Jorginho è passato dai 102 passaggi di media della scorsa stagione ai 62 (in 82 minuti) dell’ultima partita di Champions. Anche il dato dei passaggi in area di rigore è significativo: solo 2 tentativi di servire un compagno in area provati, uno solo riuscito, come dimostra questa infografica InstatScout
pass-jorginho

Le frecce rosse indicano i passaggi completati, quelle bianche i tocchi sbagliati. I due circoletti gialli evidenziano gli unici due passaggi in zona pericolosa ed uno solo in area di rigore.

I motivi di questa involuzione sono da ritrovarsi nelle distanze tra i calciatori del Napoli che non sono più quelle della scorsa stagione: quella compattezza ha esaltato la capacità di fraseggio stretto di Jorginho. La rilevazione InstatScout sulle distanze è esemplificativa
distanze

Il Napoli continua ad essere molto lungo rispetto agli standard della scorsa stagione dove era raccolto in in 25-28 metri: contro il Besiktas, la lunghezza media è stata di 37.8. Jorginho così si trova distante dai rifementi fondamentali: il centrale che imposta e la punta che si abbassa. In tal senso, le assenze di Albiol e Milik sono determinanti.

In un’istantanea la rappresentazione di questa difficoltà:
foto-1

Il Besiktas ha chiuso tutte le linee di passaggio (in giallo la chiusura), con Allan e Maksimovic troppo distanti per ricevere lo scarico facile, mentre Gabbiadini ed Hamsik scattano entrambi alla ricerca della profondità

Joginho è costretto a forzare la giocata ed il suo lancio viene facilmente letto dalla difesa del Besiktas
foto-2

di Marco Giordano

® RIPRODUZIONE RISERVATA PREVIA CITAZIONE FONTE