News

Milik: “Rapina? Non mi hanno puntato una pistola alla testa”

Arek Milik

Milik rapina – Come molti ricorderanno, dopo aver giocato e vinto contro il Liverpool Arek Milik fu protagonista involontario di uno sfortunato episodio, venendo rapinato nella zona tra Villaricca e Varcaturo. Proprio di questo e altri argomenti l’attaccante del Napoli ha parlato nella trasmissione polacca con conduttore il portiere della Juventus Szczesny, Prosto w Szczene”, smentendo peraltro il fatto di aver ricevuto una pistola puntata alla tempia.

Milik e la rapina, arriva una smentita

Ecco le principali dichiarazioni di Milik:Rapina? Nessuno mi ha puntato una pistola alla testa. In molti hanno descritto questo ma non è andata così. Napoli è una città normale ma i cittadini fanno molta attenzione agli orologi e ai gioielli, non li mettono molto in mostra. Non mi aspettavo comunque di essere rapinato, ero vicino alla mia abitazione e non in città. Hamsik anche ha vissuto una situazione simile, due volte. In un’occasione gli è stato anche restituito il bottino della rapina. Da ragazzo iniziai giocando ala, poi mi spostai centravanti. Nell’uno vs uno non sono molto bravo, anche Lewandowski preferisce dedicarsi alla forza e al lavoro nell’area piccola. Nel dribbling forse Zielinski è tra i migliori”.