Interviste Napoli News Udinese

Udinese, il vice Presidente: “Napoli? Spero nella legge dei grandi numeri. Sui sediolini…”

Napoli-Udinese
A Radio Marte, nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete" di Raffaele Auriemma, è intervenuto Stefano Campoccia, vice Presidente dell'Udinese

A Radio Marte, nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma, è intervenuto Stefano Campoccia, vice Presidente dell’Udinese. Si è parlato di Napoli-Udinese ma anche di De Paul e dei sediolini in stile Dacia Arena.

Il vice Presidente dell’Udinese Stefano Campoccia sulla gara contro il Napoli

“Quest’anno ci sono state tante disavventure che ci hanno accompagnato, le ambizioni dell’Udinese sono di ben diversa caratura. Ci sono stati infortuni, avvicendimento di tecnici e altro, quest’anno la stagione deve finire presto. Purtroppo il campionato è già finito a febbraio e questa è sempre più un’anomalia della Serie A. Sto faticosamente lavorando da quando è uscita la Legge Melandri, la competitività del campionato si garantisce se la ripartizione dei ricavi audiovisivi sia vicino ai modelli più virtuosi. In Inghilterra distribuiscono le risorse in maniera molto più equa.

Napoli-Udinese? Mi affido alla legge dei grandi numeri. Sediolini arlecchino? Conosco bene la vicenda del Napoli perché sono amico di De Laurentiis, sono fatiche che tutti i Presidenti fanno perché è ancora difficile privatizzare gli stadi. Poi c’è un atteggiamento muscolare, burocratico o responsabile del Comune, che magari qualche volta è disponibile e altre no. Anche noi abbiamo avuto delle difficoltà per la Dacia Arena, in Italia non c’è efficenza a livello di macchina pubblica.

De Paul all’Inter? Ci risentiremo più avanti, non voglio avere le vertigini, c’è bisogno di concentrarsi per la salvezza. Il Napoli? Primo o secondo interlocutore di calciomercato con noi. Inler forse è stato l’unico acquisto che non ha funzionato. Musso? Una delle nostre invenzioni, qualche punto importante l’ha portato a casa lui. Pussetto? Speriamo possa giocare”.