Interviste Napoli News

Mertens: “Gol? Non sono come Milik, l’importante è vincere. Fabian timido, ma ci ho pensato io..”

NAPLES, ITALY - NOVEMBER 02: Amadou Diawara and Dries Mertens of SSC Napoli celebrate the 3-1 goal scored by Dries Mertens during the Serie A match between SSC Napoli and Empoli at Stadio San Paolo on November 2, 2018 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

MERTENS MILIK – L’infortunio di Lorenzo Insigne darà ulteriori opportunità a Dries Mertens per tornare al gol, magari già domani contro l’Udinese. Il belga ne ha parlato alla radio ufficiale del Napoli: “Non è che non mi interessa se non faccio gol, ma non sono nato bomber. Sono sempre stato un giocatore di fascia, per me è stato sempre più importante fare assist. Non sono come Arek Milik che vive di gol e ha fame di segnare. Certo per due anni il mio ruolo è cambiato e ho giocato come punta centrale. Il nuovo ruolo mi ha permesso di fare molti più gol ma adesso è più importante passare il turno e continuare a fare bene. Questo per me vale molto di più”

Obiettivo Europa League

“Se non vinciamo le prossime sfide contro l’Arsenal ovviamente non meritiamo di vincere l’Europa League. Siamo contenti di quanto abbiamo fatto fino adesso. Ricordo l’ultima volta che abbiamo affrontato gli inglesi. Quell’anno fummo eliminati dalla Champions totalizzando ben 12 punti. Siamo molto cresciuti da quella stagione, adesso ci sono nuovi giocatori che hanno reso il gruppo ancora più forte, abbiamo anche più esperienza. Contro gli Inglesi sicuramente sarà una partita difficile, ma come lo sarebbe stata con qualsiasi altra squadra. Sono tutte forti e tutte meritevoli alla vittoria del titolo. Dobbiamo avere fiducia nei nostri mezzi perché fino ad ora abbiamo fatto bene. In caso di passaggio del turno vedremo se affronteremo il Chelsea o qualcun altro. Per noi è importante pensare partita dopo partita. Così come abbiamo fatto contro il Salisburgo”

E il campionato?

“È sicuramente molto importante. Dobbiamo sicuramente crescere e imparare a non giocare più con il freno a mano tirato. Non dobbiamo dare spazio all’avversario e dobbiamo imparare a chiudere le partite. Il Napoli vuole tornare a vincere, il mister ha già detto che abbiamo fatto troppi pareggi, abbiamo perso dei punti che potevamo conquistare. Domani è una partita importate. Spero che sia Milik stavolta a tirare il mio naso se dovessi tornare a fare gol”.

L’infortunio di Insigne

“Sta un po’ meglio rispetto a quanto pensavamo. Abbiamo bisogno tutti di lui, per fortuna con la sosta della nazionale può recuperare. Lui vuole fare bene anche con la maglia dell’Italia”.

Fabian Ruiz in Nazionale

“Sono contento per la sua convocazione in nazionale, Fabian era un pò timido quando è arrivato, sono riuscito a farlo inserire nel gruppo. Tra due tre anni giocherà in una squadra ancora più forte e avrà un grandissimo futuro”

L’addio di Hamsik?

“Marek è innamorato di Napoli, ha avuto un’opportunità di provare a giocare all’estero e l’ha sfruttata. Lui si sentitva pronto per questo ed io sono contento per lui. Siamo sempre in contatto con lui