News

Zidane chiama e il Real risponde: vittoria per 2-0 contro il Celta Vigo

Oggi il Real Madrid era impegnato in un importante sfida di campionato, la gara contro il Celta Vigo. I blacos la spuntano per 2-0.

REAL MADRID ZIDANE LIGA – Il Santiago Bernabeu è sempre stato l’opera del calcio europeo, luogo di grandi incontri, di sfide maestose e vittorie spettacolari. Tuttavia negli ultimi tempi lo stadio dei Blancos è stato teatro delle due fallimentari sconfitte contro Barcellona e Ajax che hanno causato un vero e proprio terremoto nella casa del Real Madrid. Serviva una cura efficace ed immediata e il presidente, Florentino Perez, sembrerebbe averla trovata, riportare a casa Zinedine Zidane. Lo storico tecnico capace di vincere per tre volte consecutive la Champions League, torna a casa.

 La cura Zidane fa subito effetto

Oggi il Real Madrid era impegnato in un importante sfida di campionato, la gara contro il Celta Vigo. I blancos la spuntano per 2-0. Si tratta di una vittoria a forte impronta Zidane, visto che i gol che hanno consentito alle merengues di piegare l’ottimo Celta Vigo sono di Bale – ma soprattutto – di Isco, che ritorna al gol dopo un intero girone di campionato e dopo i mal di pancia che lo avevano quasi spinto a lasciare Madrid. Proprio Isco, il giocatore che era finito ai margini durante l’era Solari, apre le marcature grazie ad un tap-in su cross dell’ottimo Benzema mentre il gallese Bale corona un contropiede con una fuga solitaria e un destro fortunoso con il quale colpisce il palo e beffa Blanco.

Anche Bale è parso rivitalizzato dal ritorno del francese in panchina: il gallese ha trovato il suo gol numero 102, diventando così il diciannovesimo marcatore più prolifico della storia del Real, alle spalle di un certo Ronaldo (104). Insomma, è una vittoria a marca Zidane: Casemiro out (anche se per squalifica), Navas al posto di Courtois, Marcelo e Asensio titolari ma soprattutto Isco trequartista.

Zidane dovrà fare vedere in questi mesi che tipo di Real Madrid avrà in mente, perchè un recupero di Isco lo toglierebbe dal mercato, cambiando molti scenari a livello europeo (vedi Juventus), e rendendolo una pedina fondamentale attorno alla quale imbastire la rinascita.