Brescia Interviste News

Corini: “Possiamo salvarci, serve un pizzico di fortuna. Napoli può competere per lo scudetto”

CORINI NAPOLI BRESCIA – Eugenio Corini, allenatore del Brescia, ha parlato in conferenza stampa al termine della gara persa contro il Napoli al San Paolo.

Più i rimpianti per il risultato o la soddisfazione per aver visto il Brescia giocare così bene?
“Ho appena parlato con i miei giocatori, poche volte parlo con loro dopo le gare. Abbiamo capito che con determinate caratteristiche possiamo salvarci. Per fare una impresa ci vuole un pizzico di fortuna e non ci ha accompagnato né con la Juve né col Napoli. La partita importante però adesso è quella col Sassuolo”.

Qual è la peculiarità più importante di Tonali?
“E’ un giocatore completo, perché abbina le due fasi. Sicuramente lo vedremo a livello più alto. Ha un futuro straordinario dinanzi a sé e sono sicuro che se lo andrà a prendere”.

E’ rimasto deluso dal Napoli visto nella ripresa?
“No, è una squadra qualitativa. Ma siamo stati bravi nel secondo tempo a far correre una squadra così qualitativa”.

TMW – ha schierato Balotelli dall’inizio sia con la Juve che oggi. Cosa ha aggiunto al suo Brescia?
“Mario è un giocatore che conoscete tutti, è arrivato con grande motivazione. Le qualità tecniche gli sono riconosciute, lo vedo molto coeso e molto dentro il progetto. Da lui mi aspetto sempre qualcosa in più, una prestazione individuale importante che di riflesso poi può aiutare la squadra”.

Oltre a Balotelli ci sono buoni attaccanti.
Abbiamo integrato un reparto offensivo già forte, con Balotelli, Matri e Ayé. L’idea è giocare con due punte centrali e con un sistema che lo possa supportare e su questo continueremo a lavorare”.

Ha visto meglio la Juventus o il Napoli?
“Sono due squadre straordinarie. Gli anni passati hanno mostrato che la Juventus ha qualcosa in più e il Napoli sta rincorrendo, ma con tante rotazioni della rosa, complessivamente quella partenopea è una squadra che può competere per lo Scudetto. Anche perché c’è un allenatore straordinario come Ancelotti”.

Da 1 a 10 quanto le piacerebbe allenare a Napoli?
“Mai dire mai nella vita…”

A fine primo tempo era molto arrabbiato con la squadra.
“Il Napoli ha fatto una partita qualitativa, ma noi quando avevamo la palla abbiamo sempre provato a fare le nostre cose”.