News

Alla scoperta del Genk: la scheda, i numeri e le curiosità sugli eurorivali

Genk-Napoli

GENK NAPOLI CHAMPIONS LEAGUE – Campione di Belgio a sorpresa nella passata stagione, il Genk di oggi è una squadra a caccia di conferme e che sta aprendo un nuovo ciclo. Ciò è confermato, oltre che dal debutto shock in Champions contro il Salisburgo (6-2), anche dai numeri in campionato, dove il Genk è sesto dopo nove giornate con solo 4 vittorie e 14 punti complessivi con ben 13 gol subiti.

L’ALLENATORE – Rispetto alla squadra che ha vinto il titolo l’anno scorso, sono cambiate diverse cose, a partire dall’allenatore. Il tecnico campione di Belgio Philippe Clement, si è infatti trasferito presso il più titolato Club Bruges (attuale capolista), in cui aveva allenato in tutta la trafila giovanile fino a diventare assistente in prima squadra prima del passaggio al Genk, e con cui aveva giocato la maggior parte dei suoi anni da calciatore. Al suo posto è arrivato Felice Mazzu, tecnico che viene da una lunga gavetta e che è reduce da sei discrete stagioni allo Charleroi, squadra di metà classifica del campionato belga.

LA ROSA – Molto è cambiato anche nel parco giocatori: non solo l’attuale atalantino Malinovskyi, l’anno scorso in doppia cifra sia nei gol (13) che negli assist, hanno lasciato il Genk tra gli altri anche l’ala sinistra Trossard, andato in Premier al Brighton per 20 milioni, e il difensore centrale Aidoo, trasferitosi in Spagna al Celta Vigo per 8. Trossard è stato sostituito da Bongonda, che è arrivato dallo Zulte Waregem per 7 milioni e che ha già avuto un buon impatto nella sua nuova avventura, mentre per la difesa ci si è affidati al giovane colombiano Carlos Cuesta, 20 anni, proveniente del Nacional de Medellin. Sono arrivate inoltre altre due punte, Onuachu e Odey, che avevano già affrontato il Napoli in Europa League rispettivamente ai tempi del Midtjylland e dello Zurigo, il centrocampista slovacco Hrosovsky, proveniente dal Viktoria Plzen, e soprattutto il rumeno ex viola Ianis Hagi, messosi in luce all’europeo under 21 e autore di una doppietta su calcio di rigore nell’ultimo turno di campionato. Sono rimaste invece le due stelle della formazione attuale, il mediano norvegese Sander Berge,  e la punta Samatta, mattatore dell’ultimo campionato con 23 reti e già a quota 6 in questa stagione. Gli uomini da cui guardarsi con maggiore attenzione.

LA STELLA – Mastodontico mediano di 195 cm, Sabder Berge è per transfermarkt il giocatore di maggior valore del Genk, ben 22 milioni la sua valutazione, cifra che rappresenta praticamente un sesto del valore complessivo della rosa. Berge è un classe 98, con caratteristiche più difensive che offensive, ed è nazionale norvegese dal marzo 2017, ossia quando aveva da pochi giorni compiuto 19 anni. Accostato alla Fiorentina in estate, Berge vanta finora 16 presenze e un gol con la selezione del suo paese nonostante la tenerissima età ed è destinato a diventare un recordman del calcio suo paese.

GENK: LA SCHEDA

RANKING UEFA: 49esimo (Napoli 19esimo)

VALORE ROSA PER TRANSFERMARKT: 122,15 milioni di euro (Napoli 625,80)

PRO LEAGUE BELGA: Sesto a meno 6 dal Club Bruges che ha anche una partita in meno

CHAMPIONS LEAGUE: Ultimo nel gruppo E dopo aver perso 6-2 all’esordio contro il Salisburgo

ALLENATORE: Felice Mazzù, belga 53 anni. Una supercoppa belga conquistata quest’anno nel palmares

GIOCATORE PIU’ VALUTATO: Sabder Berge (centrocampista norvegese classe ’98, 22 milioni valutazione transfermarkt

BOMBER: Mbawana Samatta (Tanzania, 1992, 6 gol in 10 partite in stagione)