Interviste Napoli News

Calaiò: “Credo che il campionato debba finire, brutto vedere Napoli deserta. Il rapporto con Grava…” [ESCLUSIVA]

Calaiò
A Radio Marte nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete" di Raffaele Auriemma è intervenuto Emanuele Calaiò, ex giocatore del Napoli

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Emanuele Calaiò, ex giocatore e Direttore del settore giovanile della Salernitana.

Calaiò: “Credo che il campionato debba finire, brutto vedere Napoli deserta. Il rapporto con Grava…” [ESCLUSIVA]

“In questo momento come tutti gli italiani sono a casa, sono a Napoli. Ripresa degli allenamenti anche per la Salernitana? Come prima squadra abbiamo sospeso gli allenamenti da una settimana, ci siamo detti di aggiornarci tra qualche giorno perché speriamo che comunque giorno per giorno si riesca a diminuire questo discorso di contagi e morti. Penso che in questo momento la salute sia la prima cosa, il lavoro e il calcio passano in secondo piano. La situazione è un po’ surreale, vedere comunque Napoli e Salerno vuote e deserte è brutto. Speriamo che andranno a migliorare le cose. Quando ci saranno meno contagi sicuramente proveremo a riprendere gli allenamenti con molte precauzioni.

Completare la stagione? Sicuramente la maggioranza delle società penso vogliano si finisca il campionato. Le leghe pensano di fare playoff oppure di far vincere direttamente il campionato alle prime. Bisogna vedere giorno per giorno, anche se si dovesse posticipare credo che il campionato debba finire. Gravina e altri responsabili stavano pensando di riprendere la prima settimana di maggio, magari a porte chiuse. Anche se si dovesse posticipare fino a luglio l’importante è finire. Il settore giovanile credo che fino al prossimo anno resterà sospeso. Sicuramente si proverà a far giocare Serie A, Serie B e Serie C, bisogna capire quando.

Grava? Con Gianluca c’è un’amicizia che prosegue da anni, ora facciamo lo stesso lavoro. Il Napoli e il Benevento hanno un budget diverso dal nostro, loro sono di prima fascia e noi di seconda. Noi ci sentiamo spesso, capita che qualche giocatore giovane del Napoli venga svincolato e mi venga segnalato per la Salernitana, poiché potrebbe essere importante per noi. I favori ce li scambiamo, anche perché abbiamo giocato insieme. C’è un certo tipo di rapporto.

Il mio più bel gol con il Napoli? Sono molto legato a quello contro il Lecce, bello è importante. Partita che ci diede il là per la promozione, ricordo quei momenti come fosse ieri”.

CORONAVIRUS, DAL COTUGNO: “ESTUBATI ALTRI 4 PAZIENTI TRATTATI CON TOCILIZUMAB”

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com