Juventus News

Juventus, Sarri: “Risultato da conquistare! Higuain può giocare uno spezzone di partita. Su Pjanic e Arthur…”

maurizio Sarri

CONFERENZA SARRI – Alla vigilia dell’anticipo della 28esima giornata di Serie A tra Juventus e Lecce è intervenuto in conferenza stampa Maurizio Sarri. L’allenatore bianconero ha parlato delle condizioni di Higuain e del possibile impiego di Matuidi come terzino sinistro. Non si sbilancia troppo sulla trattativa Arthur-Pjanic e fa i complimenti alla Juventus Women per il titolo assegnato quest’oggi.

La conferenza stampa di Maurizio Sarri

“Le partite in questo momento sono tutte difficili per la condizione non ottimale, è complicato per tutti. Dobbiamo essere bravi nell’approccio alla partita, senza essere superficiali o presuntuosi. Loro giocano bene a calcio, in trasferta hanno fatto meglio che in casa. Il risultato è tutto da conquistare. Pjanic? Non so la situazione, noi su Pjanic facciamo affidamento. Sta uscendo da una situazione delicata, sta andando in crescendo. Per il difensore esterno, oggi proveremo un paio di soluzioni tra cui Matuidi terzino. Contro il Lecce voglio vedere la convinzione. Mi sarebbe piaciuta una gestione diversa nelle ultime occasioni, andando a palleggiare meglio, durante il secondo tempo. Arthur? Si tratta di un giocatore del Barcellona, sarebbe brutto parlarne. Non mi è piaciuto quando l’allenatore del Barcellona ha parlato di Pjanic perché è un mio giocatore”.

Per quanto riguarda le condizioni degli acciaccati Sarri dichiara: “Valutiamo, Higuain ieri è rientrato con il gruppo, può giocare uno spezzone di gara all’inizio o alla fine. La sensazione su Ramsey è che stia salendo di condizione piano piano, vedremo”.

Sul problema dei troppi ruoli ricoperti da Bernardeschi il tecnico chiarisce: “Il problema glielo abbiamo prorogato perché anche quest’anno ha giocato in più ruoli. Agli allenatori e alla società fa comodo, per il percorso di crescita del giocatore un po’ meno. Deve trovare stabilità, per me è un giocatore forte, sulle sue qualità mai avuto dubbi. Sono dell’idea che può diventare un grande interno di centrocampo ma può fare bene anche da esterno, ruolo che in questo momento gli può garantire la Nazionale”.

Confronto con i giocatori? “Si parla di tutto, poi la decisione finale è mia ma coinvolgere i ragazzi su alcuni ragionamenti la trovo una cosa normale. Lo fanno tutti. Qualche volta vengono idee positive, altro no”.

“L’Inter non l’ho vista perché stavo ancora allenando, ho un visto uno spezzone della Lazio. Noi dobbiamo guardare i nostri risultati e ancora più alle prestazioni che ci portano ai risultati. Non è che in questo momento si può considerare un vantaggio pazzesco, ci sono 33 punti in palio e noi dobbiamo avere la mentalità di prendere punti ovunque concentrandoci sulla prossima partita, senza tabelle e conti”.

Fondamentale l’aspetto fisico o mentale? “Ho visto sempre le gambe a disposizione del cervello e non il contrario. La condizione fisica non è ottimale per nessuno, poi ti ritroverai a giocare le partite importanti tra luglio e agosto, con un clima pesante. Il livello motivazionale lo trovo fondamentale in questo periodo“.

C’è qualche ragazzo dell’Under 23 che può tornare utile? “Vediamo, sono sempre bene accetti perché non hanno mai fatto abbassare il livello. Secondo me ce n’è uno davvero pronto, serve solo un po’ di esperienza in Serie A”.

Come sta Higuain? “Lui è un sensibile, quindi quello che è successo a livello personale lo ha lasciato disturbato. Nel momento di rientro non riteneva neanche giusto che si dovesse pensare al calcio, poi è arrivato l’infortunio che lo ha ulteriormente disturbato. Adesso mi sembra che stia ritrovando la voglia di giocare di inizio stagione, per noi potrebbe essere importante”.

Cessione di Pjanic sarebbe uno sconfitta personale? “Al momento questa storia non la prendo neanche in considerazione, la società non mi ha detto nulla. Ha vissuto un periodo difficile che lo ha messo in difficoltà a livello mentale, deve comprendere che bisogna reagire senza farsi condizionare. Io personalmente sono contento di lui e sicuro che lui abbia ancora margini di miglioramento”.

Infine sullo Scudetto della Juventus Women afferma: “Mi sembra giusto, vista la classifica e il distacco sulla seconda. Ha vinto meritatamente, complimenti alle ragazze, a Stefano Braghi e a Rita (Guarino, ndr) che hanno fatto questo percorso”.

SKY – FUMATA BIANCA PER LO SCAMBIO TRA ARTHUR E PJANIC: ACCORDO IN VIA DI DEFINIZIONE

Antonio Del Prete

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com