Interviste News Roma

Roma, Zaniolo, la madre: “Pensava di smettere, ora è carico”

Zaniolo

Francesca Costa, madre di Nicolò Zaniolo, racconta a Gazzetta e Centro Suono Sport gli stadi d’animo del talentuoso figlio poco dopo aver appreso la notizia di una nuova rottura del crociato, stavolta al ginocchio sinistro: “Come l’ha presa? All’inizio piangeva. Pensava che qualcuno gli avesse fatto il malocchio. Ma ora si sta riprendendo”.

Roma, Zaniolo, la madre: “Pensava di smettere, ora è carico”

Sono trascorsi appena otto mesi dall’ultimo – grave – infortunio. Annus horribilis per Zaniolo, che lunedì sera ad Amsterdam durante la sfida tra Italia e Olanda è incappato in un’altra sfortuna ai legamenti del ginocchio dopo quella subita lo scorso gennaio in Roma-Juventus al ginocchio destro. Mamma Francesca parla dell’operazione del ragazzo, prevista nei prossimi giorni: “Decideremo lunedì, martedì al massimo. Non si è ancora operato perché stiamo valutando delle alternative. Non soltanto per l’operazione in sé, ma soprattutto a livello psicologico per non fargli ripetere un iter che ha già passato. Non credo che si opererà in America, anzi lo escludo. C’è una possibilità di andare in Austria, ma in questo momento non sappiamo nemmeno noi dove si opererà e quando. Villa Stuart rimane una opzione? Non credo, ma non per il Professor Mariani, sia chiaro. È solo per una soluzione psicologica, vogliamo evitare di fargli rivivere lo stesso percorso. Ieri è venuto Fienga sotto casa, hanno parlato un po’, gli è stato vicino e a Nicolò ha fatto molto piacere. Lo rincuora leggere o sentire le storie dei suoi colleghi che hanno avuto lo stesso problema. All’inizio aveva detto basta, smetto, gli era venuto un po’ di normale sconforto. Gli hanno spiegato che ha una muscolatura molto importante e che i legamenti erano leggeri, ora Nicolò dice li ho rifatti entrambi e torno più forte di prima, ora la vive così, è carico. Con le nuove ginocchia diventerà bionico”, chiosa ironicamente la Costa.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com