Interviste News

Intervista Radovanovic: “Il Covid non è paragonabile all’influenza, è cinque volte più pesante”

L’edizione odierna de La Stampa riporta un’intervista fatta a Radovanovic, contagiato dal Covid-19. Il centrocampista rossoblu racconta la sua esperienza traumatica, gli effetti del Covid sulla mente e sul corpo. Riflette sulla natura subdola del virus che colpisce “democraticamente” tutti.

Intervista Radovanovic: “Il Covid non è paragonabile all’influenza, è cinque volte più pesante”

“Siamo partiti per Napoli, siamo rientrati alla sera. E quando sono arrivato a casa ho iniziato a non sentirmi bene. Ma pensavo fosse solo una mia idea, in fondo sapevo che c’erano stati un paio di positivi e allora poteva essere solo un fatto mentale. Invece…lunedì mattina abbiamo fatto i tamponi e i test sierologici, poi la febbre ha iniziato a salire. Avevo tutti i sintomi: mal di testa, tosse, mal di gola. I test non hanno evidenziato nulla, alla sera mi ha chiamato il dottore e mi ha detto che ero positivo. Che lo erano anche altri miei compagni e lui stesso. Ero un po’ preoccupato. Si tratta di un virus nuovo e non sai come potrà reagire il tuo corpo. Ho avuto l’influenza ma questo non è paragonabile, è cinque volte più pesante. Sono un atleta ma mi sono trovato a pezzi. Il virus colpisce. Siamo uomini come tutti gli altri e non dei privilegiati. I soldi o la fama non c’entrano. Quando ci cambiamo nello spogliatoio siamo in trenta, viviamo insieme buona parte della giornata e quindi rischiamo”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com