Interviste News

Coronavirus, l’Oms fa dietrofront: “Origine del virus? Nulla di definitivo”

Covid-19 coronavirus

“Siamo ancora lontani dal capire l’origine del coronavirus e la catena di trasmissione all’uomo, ma prima andiamo Sapevamo già in Cina che ci sarebbe voluto tempo e che questo era solo un primo passo”. Per questo Maria Van Kerkhove, epidemiologa dell’Oms, ha chiesto pazienza per arrivare a risposte più definitive: “Il rapporto non è ancora stato pubblicato. Ci saranno più informazioni, ma devi gestire le aspettative. Non ottieni mai risposte da una singola missione. Sono in corso molti altri studi”, ha ammesso.

Coronavirus, l’Oms fa dietrofront: “Origine del virus? Nulla di definitivo”

Peter Ben Embarek ha guidato la missione dell’Organizzazione mondiale della sanità in Cina per determinare l’origine della SARS-CoV-2. La ricerca ha portato alla conclusione che la possibilità che il coronavirus fuggisse da un laboratorio era minima, quindi gli esperti hanno scartato questa teoria: “Non è un’ipotesi che implica studi futuri a supporto del nostro lavoro sulla comprensione dell’origine del virus”, hanno affermato meno di una settimana fa. Questo venerdì, tuttavia, il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha sottolineato in una conferenza stampa che non ci sono ipotesi chiuse sull’origine della SARS-CoV-2. “Sono state sollevate alcune domande sul fatto che alcune ipotesi siano state escluse. Dopo aver parlato con alcuni membri del team, voglio confermare che tutte le ipotesi sono ancora aperte e richiedono ulteriori analisi e approfondimenti”, ha chiarito. Gli scienziati stanno già lavorando “a un rapporto che speriamo venga pubblicato la prossima settimana, e il rapporto finale completo sarà pubblicato nelle prossime settimane”, ha anche aggiunto il direttore generale dell’OMS, ringraziando l’intero team per il lavoro svolto nella città cinese, epicentro della pandemia, durante queste ultime due settimane: “È stato un esercizio scientifico importantissimo in circostanze molto difficili”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com