News

Regione, interrogazione del consigliere regionale Zinzi: “L’Asl ci dica la verità sulla variante africana del Covid che avrebbe portato Osimhen”

Regione Campania

Il mistero degli annunci e delle smentite arrivate sulla variante africana del Covid che il calciatore Osimhen avrebbe portato a Napoli ha fatto scattare un campanello d’allarme anche nelle sedi istituzionali. In particolare, il consigliere regionale del centro-destra Gianpiero Zinzi ha interrogato il presidente De Luca per avere chiarimenti sul perché della visita effettuata dall’Asl Napoli 1 al Training Center di Castel Volturno. Di seguito, il testo integrale della interrogazione depositata dal consigliere Zinzi nelle mani del presidente del Consiglio regionale.

Regione, interrogazione del consigliere regionale Zinzi: “L’Asl ci dica la verità sulla variante africana del Covid che avrebbe portato Osimhen”

Si trasmette con la presente, per gli adempimenti consequenziali, l’Interrogazione redatta ai sensi dell’art.124 del R.I. del Consiglio dallo scrivente Consigliere Regionale Avv. Gianpiero ZINZI, recante ad oggetto: <Chiarimenti
circa la comparsa della variante B.1.525 del Coronavirus in Campania>.

OGGETTO: INTERROGAZIONE ex art. 124 del R.I. recante: <Chiarimenti
circa la comparsa della variante B.1.525 del Coronavirus in Campania> a firma del Consigliere regionale Avv. Gianpiero ZINZI.

PREMESSO CHE
La variante B.1.525 del Coronavirus è stata individuata, per la prima volta in
Italia, dall’Istituto Pascale e dall’Università Federico II di Napoli in un
professionista di ritorno da un viaggio in Africa che è risultato positivo al
tampone.
RILEVATO CHE
Secondo alcune notizie di stampa la variante “nigeriana” del Coronavirus sarebbe
stata portata in Italia proprio da un calciatore della squadra cittadina: Victor
Osimhen.
L’Università Federico II ha prontamente diramato una nota nella quale ha escluso
che il campione appartenesse al calciatore del Napoli;
Il dipartimento di biologia cellulare del Pascale ha ammesso di non conoscere le
generalità della provetta analizzata, non smentendo né confermando che si tratti
di Osimhen.

Il direttore Generale dell’Asl NA1 Centro avrebbe fatto visita allo staff sanitario
azzurro nel centro tecnico di Castel Volturno, dove appunto la squadra si allena,
qualche ora prima che il gruppo partisse per una trasferta di coppa in Spagna e,
precisamente, mercoledì 17 febbraio u.s.
L’Asl e la Regione Campania hanno dichiarato che effettueranno il
sequenziamento del virus in tutti i casi di positività riscontrati finora nel club,
dopo la positività di Osimhen;
La Società Sportiva Calcio Napoli avrebbe effettuato fin da subito tamponi a tutta
la squadra, ripetuti nei giorni seguenti, verificando che non ci fossero altri
contagi, nonostante le rassicurazioni del calciatore di non aver incontrato i
compagni al ritorno in Italia prima di scoprire di essere positivo.
CONSIDERATO CHE
La circoscrizione del virus è importante sia per la tutela dei tesserati e dei loro
familiari, sia anche per la popolazione tutta e per continuare l’attività
fondamentale di sorveglianza sulle evoluzioni e le mutazioni del Covid.
TUTTO CIO’ PREMESSO, Il sottoscritto Consigliere regionale
INTERROGA
Il Presidente della Giunta per chiedere per quali ragioni il Direttore Generale
dell’ASL Na1 Centro si sia recato al Centro Sportivo di Castelvolturno, e se siano
confermate le voci che indicano nel calciatore nigeriano il vero “paziente zero”
di questa nuova variante del virus.

Emiliana Gervetti

Se vuoi sapere di più sul Napoli tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com