News

Verso Napoli-Granada, ecco quante chance hanno gli azzurri per la remuntada

Gattuso

Dopo la cocente sconfitta patita in terra andalusa per 2-0 contro il non irresistibile Granada, nel match valido per la partita di andata dei sedicesimi di finale di Europa League, il Napoli è chiamato ad una prova di orgoglio tra le mura amiche del Diego Armando Maradona, dove oggi giovedì 25, alle 18:55, proverà a restare aggrappato alla competizione.

Un vero miracolo sportivo, considerando i tanti infortuni in rosa e il momento di certo non positivo in casa azzurra e proprio in queste situazioni è bene analizzare l’Under/Over, il Goal/No Goal, se e quanto, i bookmakers, si fidino della possibile remuntada, è il caso di dirlo, della squadra partenopea. Andiamo quindi a vedere quali sono le quote relative al “Risultato Esatto” che consentirebbero al Napoli il passaggio diretto del turno: 

  • 3-0: Quota 12 
  • 4-0: Quota 22 
  • 4-1: Quota 25 

Discorso a parte per il 2-0, quotato a 8, che porterebbe gli azzurri ai supplementari. Analizzando le quotazioni, possiamo notare quanto le quote siano abbastanza alte: sicuramente non esagerate ma senza dubbio abbastanza complesse, lasciando comunque aperte le possibilità di riuscita per il Napoli di ribaltare il match di andata. 

Andando più nello specifico, quindi, complice il risultato del Nuevo Estadio de Los Cármenes, sono queste le quotazioni relative all’esito finale della partita del Maradona: 

  • Qualificazione Granada: Quota 1,25 
  • Qualificazione Napoli: Quota 3,50 

In poche parole, la speranza di passare il turno, in casa azzurra, c’è ed è viva, con una percentuale di riuscita che si aggira intorno al 20% considerando tutti i fattori elencati precedentemente che influenzano questa partita.

Andando a ritroso nel tempo, l’ultimo tentativo azzurro di rimontare un 2-0 in trasferta risale all’aprile 2019, contro l’Arsenal: in quell’occasione il Napoli, all’epoca allenato da Carlo Ancelotti perse anche il ritorno al San Paolo, con il punteggio di 0-1. Il tentativo ancora precedente, però, fu decisamente più dolce: erano i quarti di finale della Coppa Uefa 1989, quando la squadra di Maradona riuscì a ribaltare il 2-0 dell’andata contro la Juventus grazie alla rete Renica all’ultimo minuto dei tempi supplementari. Ma torniamo a noi.

Il canovaccio della partita ideale prevede un Napoli arrembante sin dai primi minuti, chiamato a segnare il prima possibile. Andiamo, quindi, a vedere quali sono le opzioni di gioco relative al primo tempo:  

  • Napoli in vantaggio a fine Primo Tempo: Quota 2,05 
  • Napoli vince partita essendo in vantaggio già nel Primo Tempo: Quota 2,30 
  • Over 0,5 Goal nel Primo Tempo: Quota 1,30
  • Over 1,5 Goal nel Primo Tempo: Quota 2,50

Considerando il momento storico azzurro, in particolare la situazione tutt’altro che rosea del reparto offensivo, l’obiettivo che pare proibitivo è dover tentare di segnare almeno 3 reti senza subirne, considerando le assenze di Osimhen e Petagna, oltre la condizione di Mertens più che approssimativa. Complici queste considerazioni, andiamo a vedere le quote offerte relative al primo marcatore della partita.

Per i bookmakers e anche per i principali siti di pronostici calcio il favorito è il capitano Lorenzo Insigne (quota 5,5), seguito da Mertens (quota 6,5), Politano (quota 7) Zielinski (quota 9), Fabian Ruiz (quota 12), Elmas (quota 15). Alte, invece, le quotazioni dei due attaccanti titolari della squadra ospite: la rete di Molina è data a 10, quella di Kennedy a 13. 

Verso Napoli-Granada, CdS: Gattuso azzarda una scelta in difesa

Tra azzardi e paure, incertezze e umori ottimismi, Rino Gattuso prova a elaborare un modulo che possa far cantar vittoria alla sua squadra. L’edizione odierna de Il Corriere dello Sport ritaglia spazio al mister del Napoli, alle prese con un critico momento in panchina e per la squadra. Il tecnico azzurro potrebbe optare nuovamente per la difesa a tre.

Le parole del quotidiano sportivo: “La prima volta, il 31 gennaio, nel finale arroventato della sfida con il Parma e quella sera, uno a fianco all’altro, si ritrovarono Manolas, Maksimovic e Koulibaly, che settantadue ore dopo formarono il pullman da sistemare dinnanzi all’area , per frenare la dilagante Atalanta capace di arrivare ad Ospina ripetutamente e pericolosamente”.

Prosegue Il Corriere dello Sport: “Stavolta, non essendoci granché da difendere e però non avendo neanche gli uomini per attaccare (Osimhen, Lozano e Petagna in tribuna; Mertens in panchina), Gattuso azzarda la strategia a lui meno famigliare, si gode la presenza di Koulibaly , lascia che quel muro – con Maksimovic e Rrahmani – conceda sicurezze a chi dovrà strappare in avanti e si lancia nel personalissimo tentativo di “remuntada” con una rete protettiva”.

Emiliana Gervetti

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com