Atalanta Interviste

Italia, Toloi: “La convocazione di Mancini un’emozione enorme. Mai contattato dal Brasile”

Toloi

Il centrale carioca dell’Atalanta ha raccontato le sue prime sensazioni dal ritiro di Coverciano in conferenza stampa. “È un’emozione enorme, è frutto del lavoro e dell’impegno di tutti i giorni, spero di fare il meglio possibile, è davvero un sogno. I miei avi sono del Trentino, la mia nazionalità italiana non è nuova, l’ho avuta ancora prima di arrivare ma negli ultimi due mesi ho avuto l’ok della Fifa per giocare con l’azzurro.”

Italia, Toloi: “La convocazione di Mancini un’emozione enorme. Mai contattato dal Brasile”

“Sono molto felice di essere qui e di far parte del gruppo dell’Atalanta, essere in una squadra che sta facendo bene mi ha aiutato e quindi non posso far altro che ringraziarla”. Così un raggiante Rafael Toloi, pilastro difensivo della Dea di Gasperini alla prima chiamata in azzurro dopo aver rinunciato alla chiamata della sua nazionale, quella verdeoro: “Il Brasile non mi ha mai contattato. Quando ho saputo che l’Italia voleva convocarmi, ho detto subito di sì e tutta la mia famiglia ne è stata contenta. Il mio modo di essere versatile? Questa maniera di giocare è molto merito di Gasperini, ho imparato tanto da lui: devo uscire, pressare alto, giocare e creare situazioni. Qui è un po’ diverso ma è un valore aggiunto, non ci saranno problemi. Ho trent’anni, non sono più un ragazzino. Voglio dimostrare le mie qualità e continuare a dare il massimo anche nell’Atalanta. I difensori italiani sono sempre stati i più forti al mondo. La squadra sta bene, ha sempre giocato bene, anche a livello difensivo. Bisogna proseguire su questa strada”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com