Interviste Napoli OF News Sampdoria

Sampdoria, Ranieri: “Napoli prestigioso, me lo aspetto arrabbiato. Un mio addio a fine stagione? Il mio interesse è…”

Ranieri

Si fanno insistenti le voci di un suo eventuale addio a fine stagione, ma il tecnico blucerchiato spazza via le indiscrezioni delle ultime ore predicando attenzione e concentrazione in vista della difficile gara interna contro i partenopei.

Sampdoria, Ranieri: “Napoli prestigioso, me lo aspetto arrabbiato. Un mio addio a fine stagione? Il mio interesse è…”

“Il Napoli è un avversario prestigioso – esordisce Claudio Ranieri -. Il Milan tentava di entrare in Champions o anche di insidiare l’Inter e il Napoli tenta proprio di entrare in Champions League. E’ una squadra che, adesso con tutto il suo potenziale, sappiamo che forza d’urto ha. Dovremo fare veramente una grande partita. Sono loro che hanno una qualità immensa in moltissimi giocatori nell’uno contro uno, nella velocità. Ozimhen, Martens, Politano o Insigne. Adesso stanno tutti bene, hanno recuperato tutti. Sono sicuro che faranno un rush finale di prim’ordine. Mi aspetto un Napoli simile agli ultimi 20 minuti contro la Juve, con quella determinazione, rabbia. Non che prima non ci fosse stata ma all’ultimo è stata una gran bella partita. Tutt’e due le squadre hanno dato vita al calcio che piace a me. I miei? La squalifica di Silva e l’infortunio di Ekdal mi porterà a cambiare ancora una volta la formazione. Ci siamo abituati, ma adesso la decisione la prenderò soltanto domenica mattina. Askildsen è un tipo di ragazzo che mi piace molto. Una mezzala a tutto campo. Lui è più per un centrocampo a tre, in modo che possa fare da area a area il suo gioco. Mi auguro che da qui alla fine del campionato io gli possa dare alcune chance perché il ragazzo lo merita, è un ragazzo su cui credo molto in futuro. Stimoli maggiori contro il Napoli? Io vorrei che i miei giocatori si esaltassero sempre. Io vorrei dalla squadra macchine da guerra. Cioè insensibili a tutti: grandi squadre o piccole squadre. Ci sono tre punti in palio. Io voglio il massimo in ogni partita. Rispetto tutte le avversarie, non mi interessa il nome di chi vado ad affrontare perché in quella giornata può darsi che non sono al 100%. E allora come faccio a saperlo se non vado a provare a vincere? Da uomo pragmatico questo è stato sempre il mio obiettivo da portare dentro la filosofia della squadra. Si è parlato molto in questa settimana sul futuro, di casting e non casting. La società sa il mio pensiero. Io voglio fare i 52 punti. Questo non è detto che li faremo ma l’obiettivo che io ho dato a questa squadra sono i 52 punti. Non voglio assolutissimamente che la squadra faccia come le altre Sampdoria che calano nelle ultime dieci giornate. Innanzitutto non siamo ancora salvi. Siamo in una posizione tranquilla, quella che ci eravamo prefissati ad inizio campionato. Ma questo a me non basta perché nel momento in cui abbiamo i 26 punti all’andata, dobbiamo avere come obiettivo i 26 punti nel ritorno. Questo non significa che li faremo ma questo è il nostro obiettivo. Poi ne faremo 27, ne faremo 24 a me andrà bene. Ma i 26 punti devono essere la strada maestra che dobbiamo percorrere. Tutto il resto sono chiacchiere che non servono a nessuno”, conclude l’ex tecnico del Leicester campione, nonché ex allenatore azzurro.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com