Inter Interviste News

Inter, Conte: “Venire qua è stata la mia scelta più dura. Non abbiamo ancora vinto niente, parlerò a cose fatte”

Inter Conte

“Non abbiamo fatto niente, al massimo abbiamo ridonato credibilità all’Inter, qualcuno si è dimenticato che negli ultimi anni la finale di Europa League dell’anno scorso è stato il punto massimo del calcio italiano. Parlerò a cose fatte, ci auguriamo che verrà lo scudetto, ma conosciamo le insidie che ci aspettano, ho grande esperienza per non pensare ad altro che al presente. Ora stiamo zitti e pedaliamo, senza fare proclami, non sono abituato a farli”.

Inter, Conte: “Venire qua è stata la mia scelta più dura. Non abbiamo ancora vinto niente, parlerò a cose fatte”

Il tecnico salentino presenta la sfida contro il Cagliari e alimenta le speranze tricolore dei tifosi con la cosa che gli sta più a cuore: il lavoro. “Considerando loro rosa, sorprende vedere questa classifica. Non sarà facile, vorranno giocarsi le proprie chance per la salvezza, anche se a inizio stagione sono partiti con altri obiettivi. Che Inter vedremo? Dovete aspettare per saperlo. Se qualcuno riposerà? La fase del campionato è importante: giocheremo la terza gara in pochi giorni, per quanto mi riguarda cercherò di fare le scelte migliori per conquistare i tre punti. I ragazzi stanno bene e sono allenati. Nainggolan? Non ho rimpianti, ma lo ringrazio ancora oggi per il periodo che abbiamo condiviso in nerazzurro. Ci farà piacere rivederlo, comunque dovremo prestare attenzione perché parliamo di un giocatore che, nella scorsa stagione, ci fece gol. Serve prestare sempre attenzione agli ex.” Sul suo percorso: “Penso al presente, come faccio sempre, cercando di fare un qualcosa di straordinario in Italia: per nove anni c’è stata una sola squadra protagonista. Chi parla dell’Inter dovrebbe ricordarlo, non ha senso fare discorsi sul futuro: tutti noi sappiamo che abbiamo la possibilità di conquistare un qualcosa di unico. Senza pensare che l’anno prossimo dovremo per forza vincere la Champions League. Venire all’Inter è stata la decisione più difficile in assoluto, ma per come sono fatto non mi piace cogliere occasioni di comodo. Avevo e continuo ad avere tantissimo da perdere: ho la testa dura e sono pronto ad abbattere qualsiasi muro”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com