Napoli Napoli OF News

Chi è Sergio Conceição: carriera, principi di gioco, curiosità e l’amore per Maradona

CHI È CONCEICAO –  Sergio Conceição è l’allenatore con cui ripartirà il Napoli il prossimo anno. Questa l’indiscrezione lanciata oggi da Il Corriere dello Sport, aggiungendo che l’annuncio potrebbe arrivare nei prossimi giorni. Cestinata dunque l’ipotesi Max Allegri, che fino a ieri veniva dato in pole alle preferenze di Aurelio De Laurentiis, così come la pista di Luciano Spalletti. Il prossimo allenatore sarà il connazionale di José Mourinho.

Chi è Conceição

Sergio Conceição è un allenatore giovane, 46 anni, è in panchina da nove ed è perfettamente in linea con quelli che sono gli standard di De Laurentiis. L’allenatore ha già dimostrato di avere la stoffa per stare nei grandi palcoscenici, soprattutto al Porto (con cui è legato dal 2017) vincendo al primo anno il campionato e mettendo in difficoltà le grandi avversarie in Champions League. Conosce molto bene la Serie A dato che ha vissuto in Italia dal 2000 al 2004. Ha vestito la maglia del Parma, dell’Inter e della Lazio. Con quest’ultima ha vinto uno Scudetto, una Supercoppa, due Coppe Italia, una Coppa delle Coppe e un Supercoppa Uefa.

Carriera da allenatore

Inizia ad allenare come vice in Belgio. Poi dopo le brevi esperienze con Olhanense, Académica, Braga e Vitoria Guimaraes, nel 2016 vola in Francia sulla panchina del Nantes. Arriva già a campionato in corso, prende la squadra al penultimo posto e lo porta all’ottavo. Nel 2017 arriva la svolta e Conceição firma con il Porto. Il primo anno (2017-2018) vince il campionato, si ripete due anni dopo confermando i trionfi con la Supercoppa di Portogallo e nella stagione 2019-2020 vince anche la Coppa nazionale. In Champions League viene eliminato due volte dall’Liverpool, una agli ottavi e una ai quarti. Quest’anno, dopo aver fatto fuori la Vecchia Signora dalla competizione, il Porto di Conceição viene fermato dal Chelsea.

Modulo e principi di gioco

Sergio Conceição è considerato uno degli allenatori più promettenti e moderni del nuovo millennio. Non è rigido nel suo modo di giocare, anzi è molto fluido e tende a studiare la partita e a strutturare il gioco anche in base all’avversario. Non ha un modulo preferito, ma in genere parte dal 4-4-2 con un baricentro che tende a spostarsi in avanti facendo affidamento sulla qualità offensiva dei terzini. Negli anni scorsi ha utilizzato il 3-1-4-2 in fase di possesso e le due linee da quattro in fase di non possesso. Predilige una squadra aggressiva, veloce, il cui il primo obiettivo è recuperare il pallone nella maniera più rapida possibile e verticalizzare.

Curiosità

L’agente del tecnico portoghese è il potente manager Jorge Mendes, procuratore tra gli altri di Cristiano Ronaldo e Rino Gattuso.

Il suo soprannome è “Twister”, gli fu dato dai tifosi del Porto quando era calciatore.

Uno dei motivi che potrebbe spingere Conceição a scegliere Napoli è Maradona. Lo scorso 25 novembre, data della scomparsa del Pibe de Oro, scriveva così su Instagram: “Non è cosa comune poter convivere con idoli e leggende. Ho avuto la fortuna di conoscere uno dei più grandi simboli del “nostro” calcio. Sarai per sempre El Pibe, un mostro sacro di questa passione che ci commuove. Hasta sempre Diego!”. Tra i like anche quelli di Fabio e Paolo Cannavaro.

 

Serena Grande

Se vuoi sapere di più sul Napoli tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com