Interviste Roma

Roma, Zaniolo: “Ora sto bene e scalpito. Su Mourinho e la mancata convocazione in Nazionale…”

Zaniolo
<> during the UEFA Nations League group stage match between Netherlands and Italy at Johan Cruijff Arena on September 7, 2020 in Amsterdam, Netherlands.

ZANIOLO ROMA EUROPEO – Lunga intervista a Nicolò Zaniolo. Il centrocampista della Roma ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Sportweek raccontando i momenti bui dopo la seconda operazione, l’arrivo di Josè Mourinho sulla panchina giallorossa e la mancata convocazione in Nazionale:

“Ora sto bene e scalpito. Quando mi sono rotto il crociato la seconda volta, ho pianto veramente tanto. Ho pensato di mollare. Vedevo i ragazzi camminare, volevo essere come loro. Io per tre mesi mi tiravo su con le stampelle. Poi grazie ai miei e agli amici, sono arrivato a oggi con più voglia di prima.

Mourinho? Siamo gasati, è un grande allenatore, ha vinto tanto, ha grande personalità. Non vedo l’ora di cominciare. La penso come lui: bisogna puntare al massimo sempre, a nessuno piace perdere. Lui saprà gestire le sfide cruciali, ciò che ci è mancato quest’anno. Chi vorrei alla Roma? Ibrahimovic: è un Dio. Un mito. Mi piacerebbe parlargli, vedere come si approccia alla partita e giocarci, perché l’ho fatto solo alla play, dal vivo mai. Vorrei la sua costanza e il talento di Messi.

Europei? Pensando al bene dell’Italia, ai compagni che se lo sono meritato sul campo: io è tutto l’anno che li guardo in tv. Il ct mi ha chiamato tante volte. Ha deciso e mi ha spiegato: ‘Non ti convoco per rispetto della squadra, si creerebbero dinamiche scomode nel gruppo’. Lo capisco. Poi certo, un po’ di rammarico c’è perché ci speravo.

Qatar2022? Quello è l’obiettivo, però facciamo passo dopo passo, Vinciamo l’Europeo, poi si potrà dire la nostra anche al Mondiale.”

Giovanni Maria Varriale

Se vuoi sapere di più sul Napoli tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com