Interviste News

Tokyo 2020, a un mese dal via i Giochi Olimpici: tutte le regole anti Covid. Mattarella agli azzurri: “Tiferò per voi”

Manca un mese alle Olimpiadi più difficili di sempre: il comitato organizzatore di Tokyo ha pubblicato le rigide norme anti Covid per il pubblico. Divieto di feste e bandiere sulle tribune, proibito anche l’uso di alcol, niente abbracci, applausi e autografi. Intanto il presidente della Repubblica italiana incontra la delegazione azzurra…

Tokyo 2020, a un mese dal via i Giochi Olimpici: tutte le regole anti Covid. Mattarella agli azzurri: “Tiferò per voi”

Saranno Giochi all’insegna del rigore. Le Olimpiadi più discusse e in bilico fino a poche settimane fa, cominceranno ufficialmente tra un mese. Gli organizzatori hanno spiegato le nuove regole per chi assisterà alle gare: niente alcol, niente abbracci, niente applausi e niente autografi. Seiko Hashimoto, a capo del comitato organizzatore, ha avvertito che per mantenere le Olimpiadi sicure non saranno consentiti festeggiamenti e non ci si dovrà aspettare l’atmosfera festosa che si sta respirando tra i tifosi di calcio agli Europei. “I festeggiamenti dovranno essere soppressi per diminuire i rischi di contati da Covid e ha poi aggiunto che sarà necessario essere creativi per alimentare un’atmosfera di festa – ha chiarito Hashimoto – In Europa i luoghi sono pieni di festa, purtroppo non potremo essere in grado di fare lo stesso”.

Intanto, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, emozionatissimo, ha fatto gli onori di casa alla delegazione azzurra presente: “Le Olimpiadi mandano da sempre un messaggio di pace, speranza e universalità. Potremo vincere le sfide più grandi che ci aspettano soltanto se sapremo affrontarle insieme. Un augurio sincero e carico di speranza a tutti voi. E nonostante la mia età non più verdissima, proverò a seguire quante più gare mi sarà possibile e tiferò per voi”. Il 23 luglio, la data della cerimonia di apertura dei Giochi, il presidente Mattarella compirà 80 anni. “La consegna del tricolore è una occasione di festa innanzitutto per lo sport e l’intera comunità nazionale. A Tokyo affronterete le gare per le quali vi siete preparati intensamente, e compiuto grandi sacrifici. Chi assiste alle Olimpiadi e Paralimpiadi non ci si rende conto di quanto lavoro preparatorio ci sia, quanti sacrifici si devono compiere per arrivare con la giusta preparazione. L’augurio è sincero che va esteso ai dirigenti sportivi, agli allenatori, medici, fisioterapisti. Lo sport è comunque sempre un gioco di squadra. Sarà molto bello veder sfilare una coppia di alfieri per Olimpiadi e Paralimpiadi. Speriamo di ascoltare spesso l’inno nazionale: è un bene puntare a un bel medagliere ed è bene puntare a migliorarsi, ma come sapete non è solo il risultato a conferire l’importanza ai Giochi. Il successo è soprattutto dato dalle conseguenze per il movimento, che possa crescere e che ne possano trarre vantaggio i giovani”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com