Altre squadre Interviste Sampdoria

Ranieri: “Ora mi godo le vacanze, ma mi piacerebbe allenare una nazionale”

Ranieri

“Ho avuto altri abboccamenti, oltre al Lille, pure in Italia, ma non se n’è fatto niente. Ora me ne sto al mare e mi godo la vacanza. Ma so già che verso ottobre, novembre, mi mancherà la panchina. Se qualcuno mi vorrà, lo ascolterò”. Così Claudio Ranieri, fresco ex in casa Samp a Il Secolo XIX. Il tecnico testaccino ha lasciato i blucerchiati, ma a quasi settant’anni non ha alcuna intenzione di lasciare il mondo del calcio.

Ranieri: “Ora mi godo le vacanze, ma mi piacerebbe allenare una nazionale”

Scontato il suo giudizio sui suoi ex ragazzi alla Doria, sul presidente Massimo Ferrero e sulla scelta del nuovo tecnico blucerchiato Roberto D’Aversa: “Damsgaard l’ho visto benissimo, è diventato un calciatore completo. Cresciuto in personalità, sicurezza, capacità di gestire i tempi di gioco. La scaltrezza, la sfacciataggine no, quelle le ha sempre avute. Quando ho visto che tirava quella punizione all’Inghilterra mi sono detto se la palla passa è gol. In allenamento a Bogliasco ci provava a calciarle, e devo dire che ci riusciva anche bene. Un paio di volte anzi mi sono arrabbiato con lui, perché poi in partita le faceva tirare sempre ai compagni. Jankto ha bisogno del gol per euforizzarsi, quindi di compagni che lo cerchino e lo trovino sul secondo palo. Bereszynski è ormai una certezza nella continuità di rendimento. È un calciatore arrivato al suo top. Quagliarella? Ho fatto i complimenti a Fabio per il patentino da allenatore che ha ottenuto. Faceva le prove già in campo? No, no… Si sbracciava perché giustamente voleva la palla sui piedi e non gliela davamo mai… Non ho più sentito Ferrero. Personalmente sono di una serenità incredibile. Le cose sono andate così, non ho nessun rimpianto. Io la disponibilità a restare l’avevo data. Ricorderò sempre con grande piacere la mia esperienza in blucerchiato e seguirò sempre la Sampdoria con grande affetto. Soprattutto la prossima dove penso ci saranno ancora molti dei miei ragazzi. D’Aversa? Ogni campionato ha una sua storia. Ferrero ha scelto bene con D’Aversa. Sarà sicuramente contento a fine stagione”. Claudio Ranieri ha naturalmente proseguito l’intervista parlando delle sue ambizioni future, che vanno verso un impegno da selezionatore: “Se mi piacerebbe allenare una nazionale? Certo, ora ancora di più. Finora non ho mai avuto l’opportunità. La mia esperienza con le selezioni si limita a un veloce passaggio in Grecia, dove sono arrivato al momento sbagliato, dovendomi confrontare da subito con enormi difficoltà. Chissà che in futuro non capiti un’altra occasione”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com