Napoli Napoli OF News

Cds – Var sotto accusa, De Laurentiis furioso chiama i vertici per protestare dopo Roma-Napoli

De Laurentiis

VAR DE LAURENTIIS ROMA NAPOLI – Continuano le polemiche sul Var dopo l’ultima giornata di campionato, soprattutto dopo che lo stesso episodio presente in Roma-Napoli e Inter-Juve ha portato a due decisioni diverse. Aurelio De Laurentiis sarebbe il più arrabbiato di tutti: il patron è andato su tutte le furie quando ha visto che il contatto tra Dumfries e Alex Sandro si è trasformato in rigore, mentre Massa ha lasciato correre sul pestone di Viña ad Anguissa.

Cds – Var sotto accusa, De Laurentiis furioso chiama i vertici per protestare dopo Roma-Napoli

L’edizione odierna de Il Corriere dello Sport racconta un retroscena che spiega nel dettaglio la reazione stizzita del presidente del Napoli davanti alla mancanza di uniformità tra quanto successo a San Siro e all’Olimpico. Alle dieci e mezza circa di domenica sera (orario del derby d’Italia) De Laurentiis avrebbe avuto uno scatto, si è alzato in piedi e ha afferrato il cellulare per provare a capire quanto stava accadendo in quel momento e che cosa dicesse il regolamento arbitrale riguardo quella situazione di gioco. Perché tre ore prima lo stesso contatto tra Viña e Anguissa è stato giudicato diversamente? Il patron ha voluto vederci chiaro e ha telefonato chi conosce e sa ben interpretare il regolamento. Dopo il chiarimento, si è fatto sentire affinché il suo disappunto arrivasse fino al Palazzo, di buon onora e di lunedì mattina.

Che cosa è successo a Roma e Milano?

Due episodi uguali, ma che hanno portato a due decisioni diverse. Qual è quella giusta? Il quotidiano sportivo si sofferma sulle due azioni incriminate, spiegando la dinamica e cosa dice il regolamento a riguardo. A Milano l’arbitro Mariani non vede alcun contatto falloso tra Dumfries e Alex Sandro, il tocco c’è (seppur leggero) per cui dalla sala Var arriva la segnalazione per il rigore, che all’indomani è stata giudicata corretta. A Roma succede qualcosa di diverso perché è vero che anche in questo caso Massa vede una cosa non esatta, ma non c’è alcun intervento della tecnologia. Il calciatore giallorosso salta insieme al camerunense su un pallone crossato da Insigne, nel ricadere pesta il tallone d’Achille del centrocampista azzurro. Il direttore di gara non vede (oppure vede una cosa sbagliata) e  il Var Di Bello non interviene, ma avrebbe dovuto segnarlo dato che era chiaro in tv. Non è successo e in più il quotidiano aggiunge che addirittura l’analisi all’indomani ha giudicato la tale decisione corretta.

Serena Grande

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com