Interviste Juventus Napoli OF

Allegri: “Arrabbiati e dispiaciuti, in 5 giorni abbiamo buttato quanto costruito in un mese. Zitti e lavorare. Su Chiesa e de Ligt…”

Allegri

ALLEGRI JUVENTUS ZENIT – Vigilia di Champions burrascosa per la Juventus. I bianconeri di Massimiliano Allegri affronteranno i russi dello Zenit per la quarta giornata del gruppo H di Champions League. La Vecchia Signora è reduce da un momento di black out che le è costato due sconfitte consecutive in campionato, rispettivamente contro Sassuolo e Verona. Vietato sottovalutare lo Zenit, dunque, in una gara che varrebbe il passaggio del turno e sonni tranquilli. La Juventus, infatti, è prima a punteggio pieno e con una vittoria guadagnerebbe il pass per gli ottavi di finale. Intervenuto in conferenza stampa, Allegri ha parlato del momento complicato facendo anche un riepilogo degli indisponibili e dei recuperati:

“La qualificazione agli ottavi di Champions è il primo obiettivo della stagione, centrarlo sarebbe bellissimo. Ci metterebbe in condizione di lavorare più tranquilli, lavorando di più sul campionato.

Indisponibili? De Ligt e Chiesa stanno bene. Indisponibili Kean, De Sciglio e Ramsey, gli altri sono a disposizione e domattina deciderò chi far giocare.

Arthur e Locatelli? Giocando tante gare è difficile avere una coppia fissa che possa giocarle tutte.

Siamo tutti arrabbiati e dispiaciuti, in 5 giorni abbiamo buttato a mare quel che abbiamo costruito in un mese e mezzo. Eravamo tornati invece siamo ricaduti: ci deve far riflettere e dobbiamo lavorare. Su 15 gol presi ne abbiamo presi 11 in 6 partite contro squadre con cui, con tutto il rispetto, giocano dal decimo al ventesimo posto.

Dobbiamo stare zitti e lavorare, chi vince è bravo, chi perde ha torto. Dobbiamo giocare e vincere, poi spiegare perché lo hai fatto serve a niente ed è tutta roba che resta lì.

Nel calcio come nella vita serve fare per costruire: dopo un mese e mezzo di risultati, il lavoro non cambia. Serve capire che in queste partite, visto che abbiamo già pagato, se torniamo a farlo, magari ci sarà da analizzarlo. Ora c’è solo da stare in silenzio. Di che devi parlare?”.

Giovanni Maria Varriale

Se vuoi sapere di più sul Napoli tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com