News

Coronavirus Italia, lockdown per i no-vax come in Austria? Le Regioni: “Lo chiederemo al Governo”

Le Regioni stanno seriamente valutando di chiedere al governo al Governo centrale restrizioni per i dissidenti del vaccino. Dalla zona gialla fino alla zona rossa, le restrizioni devono valere solo per chi non è vaccinato. Cresce il fronte di chi chiede di trattare chi si è vaccinato contro la pandemia in modo diverso, e più restrittivo, rispetto a chi non si è vaccinato. È questa l’opzione che vogliono mettere in campo le regioni.

Coronavirus Italia, lockdown per i no-vax come in Austria? Le Regioni: “Lo chiederemo al Governo”

Un lockdown “alla austriaca” per ottenere consensi. In concomitanza con le restrizioni circoscritte ai non vaccinati, in Austria è partita anche la campagna vaccinale per i bambini nella fascia di età 5-11 anni. Gli oltre 9mila posti disponibili per il primo turno di somministrazioni sono andati esauriti immediatamente per un cambio di rotta, a questo punto, obbligatorio. In Italia, alla luce dell’aumento dei contagi nella quarta ondata che sta investendo l’Europa, il modello austriaco di restrizioni per i non immunizzati entra a far parte degli scenari ipotetici anche nel nostro Paese. Convinti i governatori di Liguria e provincia autonomia di Bolzano, più incerti quelli di Emilia-Romagna e Lombardia, mentre secondo il presidente della Regione Veneto Luca Zaia “da noi sarebbe di difficile applicazione dal punto di vista costituzionale. La scelta del green pass – aggiunge Zaia – è stata fatta proprio in questa direzione, per evitare diversità di trattamento nei confronti dei cittadini. Noi non stiamo valutando misure del genere”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com