Juventus Napoli OF News

Plusvalenze Juve, al vaglio anche fatture e stipendi. Le ipotesi sulla ‘carta’ di CR7

Ronaldo

PLUSAVALENZE JUVE – Continuano le indagini sulle plusvalenze della Juve, ma l’inchiesta Prisma della Procura di Torino sembra andare anche oltre. Secondo quanto si legge sull’edizione odierna de La Verità, nel mirino degli inquirenti ci sarebbero anche fatture, stipendi e pagamenti. Intanto non è stata ancora trovata traccia della famosa ‘carta’ di Cristiano Ronaldo di cui si parla nelle intercettazioni.

Plusvalenze Juve, al vaglio anche fatture e stipendi

Al momento i Pm stanno analizzando i conti della società bianconera, studiando i documenti e verificando i bilanci degli ultimi tre anni. Si starebbe procedendo per false comunicazioni di società quotate ed emissione di fatture per operazioni inesistenti: 282 milioni di plusvalenze potrebbero essere fittizie. Il quotidiano precisa che le indagini vanno oltre a quello di cui si è parlato negli ultimi giorni, perché gli investigatori starebbero anche verificando i pagamenti ad agenti e intermediari.

Il caso Ronaldo, le ipotesi sulla famosa ‘carta’

Nelle intercettazioni telefoniche tra gli uomini di Agnelli si parla de “la famosa carta che non dovrebbe esistere”, che riguarderebbe i rapporti tra il club e Cristiano Ronaldo. La Procura di Torino ha sequestrato e analizzato una serie di documenti della Juventus, ma non sarebbe stata trovata traccia di questa ‘carta’. Il Corriere della Sera di oggi pone due ipotesi sul contenuto di questo documento: potrebbe trattarsi di una buonuscita o un accordo su stipendi dilazionati della primavera del 2020.

Serena Grande

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com