Bologna Napoli OF News

Bologna, nuovi casi Covid e due No Vax “pentiti”. Ecco chi sono

Mihajlovic

Si complica ulteriormente la situazione Covid in casa rossoblù. Il club comunica che, “in seguito ai test effettuati è stata rilevata la positività al Covid-19 dei calciatori Wisdom Amey, Botond Bartha e Kacper Urbanski, che erano aggregati alla Prima squadra. Come da protocollo, si legge nella nota, sono state avvertite le autorità sanitarie locali e i giocatori sono stati posti in isolamento domiciliare”. Saltano l’impegno in Sardegna, si complicano i piani anche in vista della gara di lunedì 17 contro il Napoli.

Bologna, nuovi casi Covid e due No Vax “pentiti”. Ecco chi sono

Niente trasferta di Cagliari per Nicola Sansone e Adama Soumaoro: l’allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic perde altre due pedine oltre ai 5 positivi al Covid, segnatamente Molla, Hickey, Medel, Vignato, Santander più i 3 Primavera aggregati. Il motivo dell’indisponibilità l’ha spiegato il tecnico nella conferenza stampa pre partita: “Dovremo fare la conta per capire con chi andare a Cagliari. Abbiamo recuperato Dominguez e Viola (negativizzati, ndr), Sansone e Soumaoro non ci saranno perché “ancora in quarantena. L’Asl aveva disposto infatti cinque giorni per il gruppo squadra e dieci per i giocatori che avevano appena iniziato il ciclo vaccinale. Soumaoro e Sansone sono i giocatori che solo nei giorni scorsi, di fronte all’obbligo di Green pass rafforzato, hanno rotto gli indugi e deciso di vaccinarsi, motivo per cui torneranno a disposizione per la sfida di lunedì con il Napoli, ma dovranno saltare la trasferta di Cagliari. Il tecnico serbo, durante la conferenza di vigilia pre Cagliari ha anche lasciato alcuni spunti interessanti circa il nuovo regolamento rilasciato dalla Lega calcio che prevede la fattibilità delle partite se ci sono 13 tesserati a disposizione. E poi anche sul trasferimento di Lorenzo Insigne al Toronto a fine stagione. “13 giocatori 40 anni fa poteva andare. Ora con i 5 cambi per essere in regola dovremmo giocare a calcio a 7. Ma le regole sono quelle”, ha detto. “Insigne? Non vedo perché uno non dovrebbe fare questa scelta, è un giocatore professionista che farà una nuova esperienza. Ma non metterei mai in dubbio la sua professionalità per questa scelta: è più facile accettare che rifiutare”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com