Napoli OF News SOCIAL Udinese

Udinese, presentato ricorso per la gara con l’Atalanta. Marino: “La regola dei 13+1 non sta in piedi”

Pierpaolo Marino

Il club friulano ha “depositato un preannuncio di ricorso al Giudice Sportivo della Lega Serie A, avverso la regolarità della gara di campionato Udinese-Atalanta”. Lo apprende l’ANSA da fonti qualificate della società. “Avrei fermato il campionato per due turni. Era la soluzione migliore”, ha detto il dirigente ex Napoli.

Udinese, presentato ricorso per la gara con l’Atalanta. Marino: “La regola dei 13+1 non sta in piedi”

Il ricorso scaturisce dalle decisioni opposte della Lega e dell’autorità sanitaria che avevano rispettivamente autorizzato e vietato la disputa della partita contro i bergamaschi. La partita è terminata 2-6 per i calciatori di Gasperini. L’Udinese Calcio comunica che, all’esito di nuovi test molecolari effettuati questa mattina, oltre ad un altro membro dello staff, è risultato positivo al Covid-19 un giocatore che ieri ha preso parte alla gara con l’Atalanta. Da quanto si apprende, il calciatore è uno degli atleti che la Lega Calcio ha considerato arruolabili, dopo la sentenza del Tar, nonostante il provvedimento dell’Asl friulana che lo aveva posto in quarantena. Il Club ha attivato tutti i protocolli previsti e informato le autorità sanitarie competenti. I membri del gruppo squadra positivi e in isolamento sono, 13: nove calciatori più 4 componenti dello staff. “Se ci sono provvedimenti della Asl perché hai tanti giocatori positivi si interrompe l’attività. Se ne hai 11-12 come fai? Fai come al torneo del bar dove al mattino si fanno le convocazioni in spiaggia e la sera poi vai a giocare? La regola dei 13 disponibili più un portiere non sta in piedi. Perché tra i 13 vengono conteggiati tutti quelli che non hanno il Covid, anche gli infortunati, come Pereyra”, ha dichiarato il direttore dell’Area tecnica del club, Pierpaolo Marino.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com