Napoli Napoli OF News Roma

Napoli, Spalletti: “Guardiamo alle situazioni con tranquillità, abbiamo ancora le nostre chance scudetto”

Spalletti

“La fase di possesso è la nostra forza, se teniamo palla non si prende gol, se diamo il pallino agli avversari è più facile avere difficoltà perché non abbiamo una squadra da urto, d’impatto, ma di fantasia, tecnica”, ha spiegato Spalletti in conferenza pre-Roma. “Qualcosa da rimproverarmi? Sì, queste partite casalinghe dove potevamo saltare addosso alla classifica e invece abbiamo avuto difficoltà – ha aggiunto .- Questa è la cosa che mi ha dato più da pensare, ma quando sembra molto difficile c’è sempre il futuro che è aperto e possiamo giocarci le chance rimaste”. “Non abbiamo mai gestito niente e mai lo faremo, proprio per infondere suggestione siamo sempre andati avanti guardando in faccia tutti con l’obiettivo di fare la gara e vincere. E proprio per questo, nel tentativo di creare una mentalità vincente, ne abbiamo persa anche qualcuna”.

Napoli, Spalletti: “Guardiamo alle situazioni con tranquillità, abbiamo ancora le nostre chance scudetto”

“Più ci si mette qualità, estro e fantasia e più si diventa pericolosi – continua il tecnico degli azzurri in vista del match di Pasquetta con la sua ex squadra -. Tutto può essere veleno o medicina, dipende dalle dosi. La pericolosità della squadra dipende dalla qualità che riusciamo a sviluppare. Poi non so quello che si riuscirà a fare contro la Roma. So che abbiamo vissuto delle belle partite, che dobbiamo giocare le prossime senza avere rimpianti e anche perdendone qualcheduna l’abbiamo giocata. Nei primi minuti con la Fiorentina abbiamo avuto tre situazioni per far gol, poi c’è stato un periodo della partita in cui hanno gestito la palla più facilmente di noi. Però il punto è che abbiamo preso dei gol che non possiamo prendere. Un attimo prima di prendere gol potevamo mettere Mertens davanti al portiere facile e non ci siam riusciti. Non dobbiamo farci prendere dall’eccesso di delusione, né dobbiamo buttare il cappello per aria. Si deve guardare alle cose con tranquillità. Il lancio lungo? L’abbiamo tentato spesso con la Fiorentina, forse abbiamo fatto qualche lancio di troppo. Però la Fiorentina viene addosso forte, vuole montarti sopra. Quando fanno così preferiscono che tu giochi la palla sui piedi, per cui c’era da avere distanze un po’ più corte ma era una strategia da poter usare dentro le partite per trarre vantaggio. Si poteva fare il corto-lungo e mettere la palla dietro la linea difensiva. Se la distanza tra i reparti è ampia diventa più difficile. Da situazioni del genere s’era preso vantaggio proprio a Firenze. Su una palla incrociata per Insigne lui è tornato ad aspettare la squadra ma poteva provare ad andare”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com