Interviste News

Verso Italia-Argentina, Messi: “L’Italia è la campionessa europea, se fosse stata in Coppa del Mondo sarebbe stata la favorita”

 

A due giorni dalla finale tra Italia e Argentina, il capitano della Seleccion, Lionel Messi ha parlato in vista della match di Wembley, ma ha parlato anche della Champions, del PSG e del suo futuro.

Verso Italia-Argentina, Messi: “L’Italia è la campionessa europea, se fosse stata in Coppa del Mondo sarebbe stata la favorita”

Le sue parole:

Anche per noi è una bella prova. L’Italia è la campionessa europea, se fosse stata in Coppa del Mondo sarebbe stata la favorita. È stata abbastanza sfortunata da essere esclusa, ma avrebbe potuto qualificarsi prima nel girone, quando ha avuto modo di vincere la partita prima di andare al ripescaggio e non ha potuto farlo e poi, per motivi calcistici, è rimasto senza il Mondiale. Sicuramente sarebbe stato uno dei candidati: se fosse stato nel sorteggio, nessuno avrebbe voluto incrociare l’Italia quindi per noi è un bel banco di prova, per continuare a crescere, continuare a migliorare e continuare a raggiungere nel migliore dei modi il nostro obiettivo, che è la prima partita del Mondiale. Anche per loro deve essere così, devono prenderla in questo modo. È una competizione ufficiale, una coppa in più per noi e noi vogliamo vincerla. La verità è che è pazzesco che abbiano vinto l’Europeo e non siano ai Mondiali. Che l’Italia non sia a un altro Mondiale, con cosa significa e cosa è l’Italia in tutta la storia dei Mondiali è un peccato. Ora ho compagni e amici in squadra, due grandi persone con cui ho avuto un ottimo rapporto, che mi hanno aiutato molto da quando ci sono, soprattutto Verratti e mi dispiace molto”.

Sull’eliminazione con il Real Madrid in Champions: “Eravamo molto entusiasti di come è andata la partita d’andata. Conoscevo il Real Madrid, l’ho vissuto da vicino. Sapevo che poteva succedere, segnano un gol dal nulla e ti cambiano la partita. Sapevo che su quel campo i primi 15 ti vengono addosso e se succede il gioco cambia. Sapevo che poteva succedere ed è successo, a noi e alle altre squadre. Dover guardare la finale di Champions ti fa arrabbiare per non esserci. Non sempre vince la squadra migliore, sono situazioni, momenti specifici, psicologici, dove una squadra col minimo errore ti lascia fuori. Il Real Madrid, senza togliergli il merito, non è stata la squadra migliore in questa Champions, eppure ha battuto tutti”.

Sui fischi ricevuti dai tifosi del PSG: “E’ nuovo per me. Situazioni diverse, a me non era mai successo.  La situazione e la rabbia della gente è comprensibile, per via della squadra che avevamo. Non era la prima volta che succedeva a Parigi. Io e Ney siamo stati i più fischiati, beh, è ​​successo. Pensando a me e a quello che è successo quest’anno, penso di poter capovolgere la situazione, di non avere la sensazione di aver cambiato club e che non mi è andata bene. E come hai detto, lo so quest’anno sarà diverso, sono già preparato per quello che verrà, conosco il club, conosco la città, sono un po’ più a mio agio con lo spogliatoio, con i miei compagni di squadra e so che sarà diverso”.

Christian Martorelli 

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti aggiornato con www.gonfialarete.com