Lazio Napoli OF News

Lazio, Lotito: “Non siamo più una mucca da mungere. Lo scudetto? Un obiettivo”

“Tutti pretendevano una collaborazione, un contratto, un’elargizione. Nel momento in cui chiudi i rubinetti, tu diventi un nemico da abbattere”: così Claudio Lotito, al quotidiano Il Foglio, parla della “sua” Lazio…

Lazio, Lotito: “Non siamo più una mucca da mungere. Lo scudetto? Un obiettivo”

“Nella vita si fanno delle scelte. Io ho scelto sin dal primo giorno di dire la verità. All’inizio della mia avventura ho detto che bisognava fare dei sacrifici, perché avevamo 550 milioni di debiti, che aumentavano di anno in anno. A molti le mie parole non sono piaciute”, ha aggiunto Lotito – che ha rinnovato fino al 2025 il contratto con l’ex allenatore del Napoli, Maurizio Sarri – affrontando il tema degli esordi della sua esperienza alla guida societaria della Lazio, “io sono convinto che si possano coniugare i risultati sportivi con quelli economici. Io non voglio sperperare. Per anni la Lazio era stata una mucca da mungere. Tutti volevano una collaborazione, un contratto. Nel momento in cui chiudi i rubinetti, normale si diventi un nemico da abbattere. Abbiamo ottenuto dei risultati con le idee. I soldi aiutano, ma non sono tutto. L’attaccamento alla maglia non è retorica, ma qualcosa che si può coltivare. A Formello il biancoceleste è un brand a vista d’occhio e il colore dell’appartenenza. Noi siamo un ente morale, prima che una società sportiva. Siamo diversi, quindi è normale che qualche campione lo capisca e voglia restare”.

Il presidente ha concluso affrontando il tema degli obiettivi futuri e ha dimostrato di voler puntare in alto: “Abbiamo vinto tutto, manca solo lo scudetto. Non è soltanto un sogno, ma un obiettivo e ci stiamo lavorando”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com