Home » Il baricentro del Napoli con Calzona: una presenza significativa nella metà campo avversaria |FOCUS
Napoli Napoli OF News Rubriche

Il baricentro del Napoli con Calzona: una presenza significativa nella metà campo avversaria |FOCUS

Il testo analizza le prestazioni del Napoli con Calzona durante le partite, concentrandosi sulla lunghezza e larghezza media delle azioni di gioco, nonché sul baricentro della squadra. I dati mostrano che il Napoli ha una presenza significativa nella metà campo avversaria, espandendosi maggiormente durante il possesso di palla. Nelle partite contro Cagliari e Sassuolo, il Napoli è riuscito a spingersi più avanti nel campo avversario, mettendo pressione sulla difesa avversaria. Tuttavia, il Sassuolo è stato in grado di espandersi lateralmente durante il proprio possesso di palla, creando opportunità di attacco. In sintesi, il Napoli con Calzona dimostra un maggiore controllo del gioco e una buona gestione del possesso di palla.

Il baricentro del Napoli con Calzona: una presenza significativa nella metà campo avversaria |FOCUS

Media Totale:

– Lunghezza media: 31,23 metri

– Larghezza media: 33,59 metri

– Baricentro: 54,06 metri

Iniziamo con una panoramica generale dei dati. La lunghezza media delle azioni del Napoli con Calzona si attesta a 31,23 metri, mentre la larghezza media è di 33,59 metri. Questi numeri ci danno un’idea delle dimensioni del campo che la squadra tende a utilizzare durante le partite. Il baricentro, che rappresenta la posizione media della squadra, è di 54,06 metri. Questo ci indica che gli azzurri con Calzona hanno una presenza significativa nella metà campo avversaria.

Possesso Proprio:

– Lunghezza media: 31,26 metri

– Larghezza media: 42,37 metri

– Baricentro: 57,63 metri

Se analizziamo il possesso di palla del Napoli, notiamo che la lunghezza media delle azioni è leggermente superiore rispetto alla media totale, attestandosi a 31,26 metri. La larghezza media, d’altra parte, è significativamente più ampia con una misura di 42,37 metri. Questo ci suggerisce che la squadra tende ad espandersi maggiormente quando ha il possesso di palla. Il baricentro del possesso proprio è di 57,63 metri, indicando che i partenopei con il tecnico calabrese riescono a mantenere una buona pressione nella metà campo avversaria.

Possesso Avversario:

– Lunghezza media: 35,72 metri

– Larghezza media: 31,05 metri

– Baricentro: 50,58 metri

Passando al possesso avversario, vediamo che la lunghezza media delle azioni è leggermente superiore rispetto alla media totale, con una misura di 35,72 metri. La larghezza media, invece, è leggermente inferiore con un valore di 31,05 metri. Questo indica che la squadra avversaria riesce a penetrare nella metà campo del Napoli con Calzona, ma con meno ampiezza rispetto al possesso proprio. Il baricentro del possesso avversario è di 50,58 metri, suggerendo che il Napoli riesce a recuperare la posizione difensiva e a limitare l’avanzata dell’avversario.

Confronto tra la gara vs Cagliari e vs Sassuolo:

Infine, confrontiamo le prestazioni del Napoli con Calzona nelle partite contro Cagliari e Sassuolo.

Lunghezza Media: +2,7 metri vs Sassuolo

Larghezza Media: +5,1 metri vs Sassuolo

Baricentro: +8,21 metri vs Sassuolo

Iniziamo analizzando le differenze nella lunghezza media delle azioni di gioco tra le due partite. Rispetto alla partita contro Cagliari, il Napoli ha registrato un aumento di 2,7 metri nella lunghezza media delle azioni durante la partita contro Sassuolo. Ciò indica che la squadra è stata in grado di spingersi più avanti nel campo avversario durante la partita contro i neroverdi. Inoltre, la larghezza media delle azioni di gioco è aumentata di 5,1 metri contro il Sassuolo rispetto a Cagliari. Questo suggerisce che il Napoli con Calzona ha avuto una maggiore espansione nella distribuzione del gioco sul campo contro il Sassuolo, cercando di sfruttare gli spazi laterali e creare opportunità di attacco. Infine, il baricentro, che rappresenta la posizione media della squadra sul campo, è aumentato di 8,21 metri contro il Sassuolo rispetto a quanto visto in Sardegna. Questo indica che gli azzurri sono stati in grado di mantenere una posizione più avanzata nel campo, cercando di esercitare una maggiore pressione sull’avversario.

Possesso Proprio:

Lunghezza Media: -3,43 metri vs Sassuolo

Larghezza Media: +3,24 metri vs Sassuolo

Baricentro: +4,06 metri vs Sassuolo

Passiamo ora ad analizzare il possesso di palla del Napoli con Calzona durante le due partite in questione. Rispetto alla partita contro il Cagliari, la lunghezza media delle azioni di possesso è diminuita di 3,43 metri. Ciò indica che la squadra ha avuto meno avanzate nel campo avversario durante il possesso di palla contro il Sassuolo rispetto a Cagliari. Tuttavia, la larghezza media delle azioni di possesso è aumentata di 3,24 metri al Mapei Stadium. Questo suggerisce che il tecnico calabrese ha cercato di espandersi maggiormente lateralmente durante il possesso di palla, cercando di aprire spazi per creare opportunità di attacco. Il baricentro del possesso proprio è aumentato di 4,06 metri contro il Sassuolo. Ciò indica che il Napoli è stato in grado di mantenere una posizione più avanzata nel campo avversario, cercando di mettere pressione sulla difesa avversaria.

Possesso Avversario:

Lunghezza Media: -0,36 metri vs Sassuolo

Larghezza Media: +10,48 metri vs Sassuolo

Baricentro: +3,96 metri vs Sassuolo

Infine, esaminiamo il possesso avversario durante le due partite. Rispetto alla partita contro il Sassuolo, il Napoli ha ridotto la lunghezza media delle azioni avversarie di 0,36 metri. Ciò suggerisce che la squadra è stata in grado di limitare le avanzate degli emiliani nel proprio campo. Tuttavia, la larghezza media delle azioni avversarie è aumentata di ben 10,48 metri rispetto a Cagliari. Questo indica che il Sassuolo è riuscito ad espandersi maggiormente lateralmente durante il possesso di palla, cercando di sfruttare gli spazi creati. Il baricentro del possesso avversario è aumentato di 3,96 metri contro il Sassuolo rispetto a Cagliari. Ciò indica che i neroverdi è stato in grado di spingere la propria posizione media più avanti nel campo degli azzurri durante il possesso di palla, cercando di mettere pressione sulla difesa avversaria.

Combinando questi dati, possiamo trarre alcune conclusioni sulle prestazioni del Napoli con Calzona nelle due partite. Contro il Sassuolo, la squadra è stata in grado di avanzare maggiormente nel campo avversario, sia durante il proprio possesso di palla che nel limitare le avanzate avversarie. Ciò indica una maggiore aggressività e un maggior controllo del gioco. Tuttavia, è importante notare che gli uomini di Bigica sono riusciti ad espandersi lateralmente durante il proprio possesso di palla, creando spazi e mettendo alla prova la difesa dei campioni d’Italia in carica.

Fonte foto: Lega Serie A.

Carlo Gioia

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti aggiornato con https://www.gonfialarete.com/