Gonfia la Rete | Not an Ordinary Soccer Site

7 vittorie su 7! Statistiche, corsi e ricorsi!

Tempo stimato per la lettura1minuto, 41secondi

 

Hanno fatto clamore in tutta Europa le 7 vittorie nelle 7 partite iniziali che hanno dato, con pieno merito, al Napoli di Sarri il primato solitario in classifica.

In molti ricordano che prima del Napoli, l’ultima squadra in Italia a vincere tutte le prime 7 partite di campionato era stata la Roma di Rudi Garcia nel 2013/2014.

Sono però probabilmente in pochi a ricordare che la striscia della squadra giallorossa proseguì all’ottava giornata… esattamente come potrebbe accadere quest’anno al Napoli… con un Roma-Napoli susseguente a una pausa per le nazionali!

La sfida del 2013 è passata alla storia azzurra sia perché fu l’ultima partita disputata da Paolo Cannavaro con la maglia azzurra (chiusa purtroppo con un’espulsione… a dir poco ingiusta) sia per il clamoroso gol sbagliato sullo 0-0 da Goran Pandev (nonostante l’accorato invito, ricevuto dalla Tribuna Stampa, a “metterla dentro”!).

Ampia Sintesi Roma – Napoli 2-0 doppietta Pjanic 8°giornata 20/10/13

Ampia Sintesi Auriemma della partita di cartello Roma – Napoli 2-0 con doppietta di Pjanic valida per l’8°giornata di campinato Serie A in data 20/10/13

 

Come è noto, quella Roma riuscì ad arrivare fino a 10 vittorie consecutive iniziali (striscia record in Italia).

Come però è altresì noto…

quella Roma arrivò a fine campionato con ben 17 punti di distacco dalla Juventus scudettata!

Nella storia del campionato italiano, comunque, c’erano state altre 6 occasioni in cui una squadra aveva iniziato il campionato vincendo i primi 7 match e in ben 5 di queste volte tale squadra è anche riuscita ad aggiudicarsi lo scudetto (conteggiando ovviamente anche quello, poi revocato, alla Juventus del 2006).

Nella tabella seguente

troviamo le partenze delle squadre di vertice negli ultimi 6 campionati vinti consecutivamente dalla Juventus.

Ebbene, addirittura in 3 casi su 6 la Juventus non era già in testa alla settima giornata (tra i quali spicca il clamoroso 2015-2016, in cui aveva raccolta la miseria di 8 punti).

In questo periodo, solo nel 2012-2013 (nell’ultimo anno di Mazzarri), gli azzurri erano stati in testa dopo 7 giornate (in coabitazione con i bianconeri) prima di perdere proprio all’ottava giornata lo scontro diretto con la Juventus di Conte.

Il Napoli chiuse comunque al secondo posto quella stagione.

 

Vittorio de Gaetano

 

FACEBOOK