News

Insigne: ‘Non immaginavo potessimo fare così bene dopo la partenza di Higuain. Sarri? Spero rimanga a lungo’

A margine dell’importante successo ottenuto in casa del Torino, l’attaccante del Napoli Lorenzo Insigne è intervenuto ai microfoni di Sky Calcio Show per il proprio commento sul momento degli azzurri:

Napoli da Record? “Non avrei mai immaginato che potessimo fare questi numeri dopo la cessione di Higuain. C’è sempre stato però un grande gruppo che aveva intenzione di fare bene al netto della partenza di qualche giocatore importante”.

“Mi sono sempre divertito a giocare, ma quest’anno un po’ di più perchè giochiamo un calcio bellissimo, sempre palla a terra, che ci permette di divertirci non solo la domenica ma anche durante la settimana. Il fatto che questo gioco ci piaccia ce lo si legge in faccia quando siamo in campo”. 

In nazionale più sacrificio a livello tattico? “Chi mi conosce lo sa che rendo meglio in un 4-3-3, ma io mi metto sempre a disposizione come successo con l’Albania. Devo tanto anche a Benitez che con un modulo simile a quello di Ventura mi ha fatto crescere molto nella fase difensiva. Anche giocando col 4-3-3 in fin dei conti mi trovo a fare spesso molto lavoro difensivo. Questo è il calcio ed io mi metterò sempre a grande disposizione sia del napoli, che della nazionale”. 

Patto nello spogliatoio per il futuro? “Siamo tutti concentrati per ottenere il nostro obiettivo, ossia il secondo posto. Dopo spero che la società riesca a trattenere i giocatori più forti perchè abbiamo costruito un grande gruppo e possiamo costruire qualcosa di ancora più grande per poter lottare su tutti i fronti l’anno prossimo”.

Un Napoli senza Sarri? “Per ora è qui e spero rimanga con noi più al lungo possibile. Ci ha dato tanto e noi cerchiamo di ripagarlo quando andiamo in campo. Le sue frizioni con De Laurentiis non ce le ha mai scaricate addosso e spero non lo faccia mai. Per il resto noi calciatori dobbiamo pensare esclusivamente a fare il nostro e quindi ad andare in campo, il resto non ci riguarda”.

Andrea Falco