Interviste Napoli News

Insigne a Sky: “Indossare la fascia di capitano è un orgoglio! Su Mertens e Milik…”

Insigne
Dopo aver intervistato il capitano bianconero Giorgio Chiellini, la redazione di Sky Sport ha intervistato anche l'altro capitano della partita, Lorenzo Insigne.

INSIGNE NAPOLI JUVENTUS – Dopo aver intervistato il capitano bianconero Giorgio Chiellini, la redazione di Sky Sport ha intervistato anche l’altro capitano della partita, Lorenzo Insigne. Il talento di Frattamaggiore ha ereditato la fascia di capitano da Marek Hamsik, ormai lontano dal Vesuvio, è sarà orgoglioso di indossarla per la prima contro la Juventus.

La 26esima giornata di campionato della Serie A  prevede infatti il big match più atteso d’Italia, la sfida tra la prima e la seconda in classifica, Napoli e Juventus. Gara che di disputerà domenica sera allo stadio San Paolo alle ore 20:30.

Le parole di Insigne a Sky Sport

Ecco l’intervista rilasciata da Insigne alla redazione di Sky Sport: “Cosa vuol dire indossare la fascia di capitano del Napoli? Indossare la fascia a Napoli, da napoletano, non capita tutti i giorni. Io sono diventato capitano da poco, dopo la partenza di Hamsik, e ne sono orgoglioso. Voglio rappresentare il popolo azzurro e spero che la indosserò per tanti anni”.

L’importanza di Ancelotti per il Napoli

“Il mister mi ha cambiato posizione e mi trovo bene, anche se nell’ultimo periodo non sono incisivo come all’inizio. L’importante è lavorare sempre duramente. Oltre i gol è importante la prestazione. Con la Juventus sarà una gara molto sentita. Il distacco è ampio, ma proveremo a vincere perché questa partita ha un sapore speciale. E’ sempre bello segnare alla Juventus, ma l’importante è la prestazione. Ha portato la sua serenità. Si arrabbia poche volte, solo quando necessario, sia in partita che in allenamento. Questo ci ha fatto bene. Anche se siamo lontani dalla vetta, abbiamo una Champions da raggiungere e una Europa League in cui lottare”.

Il ringraziamento per Marek Hamsik

“Ha fatto la storia del club, ha superato Maradona nei gol da centrocampista, è solo da prendere ad esempio. Io sono orgoglioso di aver giocato con lui. E’ un campione in campo e fuori dal campo, non ha mai detto una parola fuori posto, non si è mai lamentato per un cambio, per una panchina in un big match. Ha sempre dato il massimo e questo fa di lui un esempio, dobbiamo solo dirgli grazie”.

13 punti di distacco dalla Juventus

“Loro hanno una grande rosa. La nostra non è da meno, ma loro sono un po’ più avanti. Siamo stati un po’ sfortunati con Chievo, Torino, in cui siamo stati poco cattivi sotto porta. E’ il primo anno che Ancelotti è con noi, ci sono allenamenti diversi e un modulo nuovo. All’inizio nessuno prevedeva noi nelle posizioni per la Champions, invece siamo stati noi la squadra che ha dato maggior fastidio alla Juve. Prima o poi ci toglieremo le soddisfazioni”.

Il gol-vittoria di Koulibaly allo Stadium 

“Koulibaly ci ha portato alla vittoria. Forse per vincere lo scudetto era meglio non battere la Juve lì, ma è stata una grande vittoria e ha fatto un grandissimo gol. E Kalidou ce lo invidiano tutti”.

Su Mertens: “Quando noi attaccanti non facciamo gol si parla sempre. Ci sono passato anch’io, ma anche lui è un grande attaccante e ne verrà fuori”.

Milik è pronto al rinnovo, è importante per il Napoli? Ha subito due infortuni di fila, non da poco, e sono contento che è tornato ai massimi livelli. E’ importantissimo per noi, è un grande attaccante che può dare ancora tanto. Penso che possa ancora migliorare, è giovane e può dare tanto. Con i suoi gol può raggiungere traguardi importanti”.