News

Var difettoso, infortuni, pali e traverse: Napoli quinto a -8 dalla Juve

NAPLES, ITALY - OCTOBER 30: Referee Pino Giacomelli and SSC Napol players and Carlo Ancelotti coach of SSC Napoli during the Serie A match between SSC Napoli and Atalanta BC at Stadio San Paolo on October 30, 2019 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Il Napoli avrebbe meritato la vittoria, ma l’Atalanta ha imposto un pari beffa al San Paolo in una serata dove è successo di tutto.

NAPOLI-ATALANTA PAREGGIO AMARO – E’ successo di tutto al San Paolo. Un rigore solare negato nel finale con il Napoli in vantaggio 2-1. Sull’azione susseguente il pari dell’Atalanta in stile Juve-Inter del 98′. Mancato intervento del Var, proteste e le espulsioni di De Matteis (team manager) e Ancelotti. L’infortunio di Allan (si teme una distorsione al ginocchio), la papera di Meret sul momentaneo 1-1 e Milik che coglie un palo a porta vuota nel primo tempo e una traversa su punizione nella ripresa. Il Napoli avrebbe meritato ampiamente il successo e invece è costretto a ingoiare un pareggio amaro. Con il risultato del secondo turno infrasettimanale del torneo di Serie A 2019-2020, i partenopei sono scivolati al quinto posto a -8 dalla Juve in vetta. Per quanto riguarda la gara, la squadra di Ancelotti si è resa protagonista di un primo tempo iniziato con buona lena, con Gollini chiamato agli straordinari. Non ha potuto, nulla, però sul colpo di testa vincente del rientrante Maksimovic, pescato in maniera magistrale da Callejon al 16′.

Napoli padrone del campo

In quel momento gli azzurri erano padroni del campo. Infatti sei minuti dopo il Napoli ha sprecato un’occasionissima per raddoppiare. Gollini ha detto no al tentativo di Fabian Ruiz. Sulla respinta si è avventato Milik, che di testa, ha spedito incredibilmente il pallone sul palo. Peccato, perché il Napoli avrebbe meritato due gol di vantaggio. La manovra era fluida, nonostante Ancelotti abbia dovuto far fronte all’infortunio di Allan, sostituito da Zielinski dopo 10 minuti. La prima beffa, però, era dietro l’angolo. Infatti, prima che l’arbitro Giacomelli, uno dei protagonisti in negativo della serata del San Paolo, Freuler ha spedito un tiro senza pretese verso la porta di Meret. Il portiere azzurro, però, è intervenuto in maniera goffa. La sfera gli è passata tra le gambe per l’incredibile 1-1 (41′). Nella ripresa il Napoli ha tenuto i ritmi a una velocità accettabile. Il pallino del gioco è rimasto tra le mani dei padroni di casa, che hanno imprecato per una traversa colpita su punizione da Milik.

Milik in gol dopo un palo e una traversa

Il polacco, però, nonostante i due legni colpiti, non ha mollato la presa e a metà secondo tempo ha riportato il Napoli in vantaggio, dando merito a un bellissimo spunto di Fabian (26’st). Sul 2-1 tutti credevano che gli azzurri potessero trovare anche il tris. Ma l’Atalanta non ha mai tirato i remi in barca. Anzi, l’ingresso di Muriel al posto di Gomez ha creato parecchi grattacapi alla difesa del Napoli. Tuttavia, mentre gli azzurri stavano controllando la gara in maniera agevole, con Ancelotti che dava vita alla girandola dei cambi, è arrivato il finale infuocato. Per Giacomelli in campo e Banti al Var l’intervento di Kjaer sul nuovo entrato Llorente non era punibile con il calcio di rigore. Era il minuto numero 40 del secondo tempo. Sessanta secondi dopo il pari dell’Atalanta, firmato da Ilicic dopo uno spunto di Muriel. A tenere in gioco lo sloveno, ci ha pensato Maksimovic, in ritardo nel far scattare il fuorigioco. Il gioco è ripreso dopo cinque minuti di proteste azzurre. Nei dieci minuti di recupero la parata di Meret su Ilicic ad evitare il 3-2 Atalantino. Sarebbe stato troppo.

NAPOLI-ATALANTA 2-2

NAPOLI (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Luperto; Callejon, Allan (11′ Zielinski), Fabian Ruiz, Insigne; Lozano (59′ Mertens), Milik (82′ Llorente). A disp: Ospina, Karnezis, Tonelli, Ghoulam, Mario Rui, Gaetano, Elmas, Younes. All. Ancelotti.

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Djimsiti (64′ Kjaer), Palomino; Hateboer, Freuler, De Roon, Gosens; Gomez (74′ Muriel), Pasalic (69′ Castagne); Ilicic. A disp: Rossi, Sportiello, Masiello, Ibanez, Arana, Malinovskyi, Barrow. All. Gasperini.

ARBITRO: Giacomelli (Trieste).

RETI: 16′ Maksimovic (N), 41′ Freuler (A), 71′ Milik (N), 86′ Ilicic (A)

NOTE: Ammoniti: Maksimovic, Di Lorenzo, Insigne (N) Toloi, de Roon, Pasalic (A). Espulsi De Matteis (N) e Ancelotti (N) all’86’.  Spettatori: 30.061 per un incasso totale di 597.756,14 euro.

CLASSIFICA: Juventus 26 punti, Inter 25, Atalanta 21, Roma 19, Lazio 18, Napoli 18, Cagliari 18.

COSÌ IN A E IN CHAMPIONS SINO ALLA SOSTA DI NOVEMBRE

10° giornata Serie A

Brescia-Inter 1-2

Napoli-Atalanta 2-2

Juventus-Genoa 2-1

11° giornata Serie A

Roma-Napoli 2/11 ore 15 (Sky)

Bologna-Inter 2/11 ore 18 (Sky)

Torino-Juventus 2/11 ore 20.45 (Sky)

Champions

Napoli-Salisburgo 5/11 ore 21 (Sky)

Borussua Dortmund-Inter 5/11 ore 21 (Sky)

Lokomotiv Mosca-Juventus 6/11 ore16.55 (Sky)

12° giornata Serie A

Inter-Verona 9/11 ore 18 (Sky)

Napoli-Genoa 9/11 ore 20.45 (Dazn)

Juventus-Milan 10/11 ore 20.45 (Sky)