News

Ritiro, tutti i retroscena: dal premio promesso alla rabbia di De Laurentiis

De Laurentiis al San Paolo con De Magistris

De Laurentiis avrebbe mandato la squadra in ritiro perché incapace di conquistare almeno due punti tra Atalanta e Roma e riscuotere il premio da 200mila euro da lui promesso.

DE LAURENTIIS PREMIO RITIRO – Emergono altri particolari sulla scelta del presidente Aurelio De Laurentiis di mandare la squadra in ritiro da martedì scorso sino a sabato, ovvero sino a dopo la partita col Genoa. Ritiro, però, momentaneamente interrotto dopo il pari col Salisburgo in Champions. Sembrerebbve che prima delle partite contro Atalanta e Roma, De Laurentiis, intuendo il pericolo di vedere il Napoli slittare fuori dalla zona Champions, come poi è successo, abbia promesso alla squadra un premio di 200mila euro da dividere in parti uguali nel caso la squadra avesse conquistato due vittorie contro bergamaschi e giallorossi. Contro l’Atalanta la gara è terminata in parità. Negli spogliatoi dell’Olimpico, con il Napoli sotto di un gol, pare che il presidente abbia confermato il premio in caso di pareggio. La sconfitta avrebbe mandato De Laurentiis su tutte le furie al punto che il patron ha deciso per il ritiro punitivo. Per il momento la clausura è durata un giorno e mezzo, durante i quali pare che a Castel Volturno ci siano stati confronti aspri tra tutte le componenti del club.