News

Ieri in ritiro pure gli infortunati, la squadra tende la mano a De Laurentiis

NAPLES, ITALY - SEPTEMBER 17: SSC Napoli players celebrates the 2-0 goal scored by Fernando Llorente during the UEFA Champions League group E match between SSC Napoli and Liverpool FC at Stadio San Paolo on September 17, 2019 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Ieri sera in ritiro in vista della partita di stasera contro il Genoa anche gli esclusi dai convocati: gesto distensivo da parte degli azzurri.

NAPOLI RITIRO DE LAURENTIIS – Come tutti non erano d’accordo nell’interrompere martedì il ritiro in programma sino a dopo la gara di stasera contro il Genoa, non tutti avevano dato il loro benestare per vivere insieme al Centro Sportivo di Castel Volturno la vigilia della partita contro i rossoblù. Alla fine sono andati in ritiro tutti, pure gli infortunati che sono stati esclusi dalla lista dei convocati. Si è trattato di Allan, Ghoulam e Manolas. Purtroppo, mentre era in ritiro, il centrocampista brasiliano ha ricevuto la notizia dell’irruzione di ignoti nella sua abitazione, mentre in casa c’era solo la compagna Thais in dolce attesa.

Tornando alla decisione di tornare in ritiro ieri sera in vista della partita contro il Genoa, la scelta è stata caldeggiata dal tecnico Carlo Ancelotti. Pare che i calciatori abbiano voluto rendersi protagonisti di un gesto distensivo nei confronti del presidente Aurelio De Laurentiis. In pratica, tornando in ritiro, la squadra spera che il patron possa perdonare i calciatori per aver disatteso le sue disposizioni e ammorbidire la sua posizione in sede di richiesta di risarcimento danni. Difficile che De Laurentiis possa rinunciare alla multa. Una punizione, seppur simbolica, va studiata. Però, a quanto pare, il patron – che negli ultimi giorni ha rifiutato tutti i contatti con i giocatori – voglia andare sino in fondo alla richiesta di risarcimento danni. Si dice che il produttore cinematografico abbia intenzione di chiedere alla squadra un risarcimento danni di almeno 500mila euro.