News

Milik a Kiss Kiss: “I miei gol per la risalita del Napoli”

Arek Milik

MILIK NAPOLI FIORENTINA – L’attaccante del Napoli Arkadiusz Milik ha rilasciato una lunga intervista a Radio Kiss Kiss Napoli. Ecco i passaggi salienti. “Siamo contenti della vittoria in Coppa Italia contro il Perugia – ha detto l’attaccante polacco – ma dobbiamo migliorare. Con il lavoro i risultati saranno sempre migliori. Siamo passati dal 4-4-2 al 4-3-3. Ci vuole più concentrazione”. Finora Milik ha realizzato 7 gol in campionato e tre in Champions. Il bottino non è male. “Non so se si è già visto il vero Milik o non ancora – ha ammesso il centravanti – sto segnando il giusto, ma non posso essere soddisfatto, perché i risultati del Napoli non sono soddisfacenti”. Infatti, nonostante il cambio in panchina tra Ancelotti e Gattuso, gli azzurri non hanno ancora avviato la risalita in classifica. Anzi, nelle ultime quattro gare di campionato, sono arrivate altre tre sconfitte. “Ce la metteremo tutta per vincere – ha assicurato Milik – giochiamo in casa e vogliamo migliorare la nostra classifica. Nel gioco si è già visto qualcosa in più, adesso aspettiamo di rendere anche i risultati più consoni alla nostra cifra tecnica”. Milik si è già proiettato alla partita di martedì contro la Lazio nei quarti di Coppa Italia.

“Per noi la Coppa Italia è un obiettivo concreto – ha detto il polacco – anche perché vogliamo chiudere la stagione con almeno un titolo in bacheca. Visto che vincere la Champions sarà difficilissimo, daremo ancora più importanza alla Coppa Italia”. Però non sarà il caso di snobbare il doppio confronto col Barcellona negli ottavi di Champions. “Sarà una sfida affascinante – ha ripreso Milik – tutti vorrebbero affrontare la squadra più forte del mondo. Passare il turno sarà molto complicato, però cercheremo di fare bella figura. Soprattutto all’andata al San Paolo”. Milik ha avuto anche il tempo di commentare gli arrivi di Demme e Lobotka. “Li conoscevo poco prima del loro arrivo a Napoli – ha ammesso l’attaccante – ci daranno una grossa mano. Però aspettiamo che sia il campo a parlare, perché le partite sono diverse rispetto agli allenamenti”. Infine, un saluto a Gaetano, che si trasferirà in prestito. “Ha la fiducia di tutti – ha detto Milik – ma è giusto che vada via per giocare di più. Il suo è soltanto un arrivederci”.