Interviste News

Coronavirus – Iachini: “Il momento più duro dalla guerra, difficile pensare al calcio”

Iachini

CORONAVIRUS IACHINI – Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Beppe Iachini, allenatore della Fiorentina, racconta le sue impressioni e il suo sconforto riguardo l’emergenza Coronavirus. Secondo il mister il calcio, in questo momento, deve passare in secondo piano. Bisogna pensare alle milioni di vittime e rispettare il dolore dei familiari. Anche la Fiorentina ha vissuto in prima persona il pericolo della pandemia, 3 giocatori sono risultati positivi al Coronavirus. Fortunatamente, di recente, i tamponi hanno evidenziato esito negativo e hanno accertato la loro guarigione.

Le dichiarazioni di Iachini

“Il momento più duro per chi non ha vissuto l’ultima guerra. Sarà impossibile dimenticare i camion dell’esercito che portano via le bare da Bergamo e da altre città della Lombardia. Famiglie straziate dal dolore senza nemmeno poter dare un saluto ai loro cari. La priorità è la salute. Muoiono ancora tante persone, è difficile pensare al calcio. La decisione spetta alle figure competenti e noi ci adegueremo. Dal primo allenamento serviranno almeno 3-4 settimane prima di tornare in campo”.

CORONAVIRUS, AGENTE GABBIADINI: “MANOLO STA BENE. TAGLIO STIPENDI? BISOGNA EVITARE LO SCONTRO, SERVE BUONSENSO”

Antonio Del Prete

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com