News

Coronavirus, in casa fino al 3 maggio. Riaprono cartolerie, silvicoltura e macchine agricole

Giuseppe Conte

Su Repubblica il nuovo Dpcm che sarà presentato oggi in conferenza stampa. Il premier Conte: “Non siamo nelle condizioni di riaprire le attività produttive, rischieremmo di far risalire la curva dei contagi e vanificare i risultati ottenuti”.

Coronavirus, in casa fino al 3 maggio. Riaprono cartolerie, silvicoltura e macchine agricole

“Non siamo nelle condizioni di riaprire le attività produttive perché rischieremmo di far risalire la curva dei contagi e di vanificare i risultati che abbiamo ottenuto”. Il Governo ha deciso di prorogare le misure di contenimento fino al 3 maggio. Conte lo annuncerà oggi ai cittadini italiani. “Il premier si prepara a fare un discorso che parte dai numeri: ci sono ancora 600 morti al giorno. Troppi, per poter allentare la guardia senza rischiare che quelle cifre tornino a impennarsi e che le terapie intensive finiscano per non bastare. Siamo ancora — guardando il grafico del contagio — su quella linea dritta che non è scesa e impone di tenere duro”. Ma qualcosa riaprirà, racconta Repubblica. Già da martedì potrebbero riaprire i battenti, con protocolli di sicurezza simili a quelli di alimentari e supermercati, librerie e cartolerie. Con il rispetto del distanziamento e il contingentamento agli ingressi. E anche alcune linee produttive, come macchine agricole e silvicoltura e, probabilmente, la componentistica per pc.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com