Fiorentina Interviste

Pradè: “Ho avuto il Coronavirus, adesso ripartiamo”

Db Milano 29/07/2019 - presentazione calendario serie A 2019-2020 / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Joe Barone-Daniele Prade'

PRADE’ FIORENTINA CORONAVIRUS – Coronavirus, Daniele Pradè racconta la sua battaglia. Il ds della Fiorentina ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’emergenza Coronavirus. Ai microfoni de “Il calciomercato che verrà” su Sky, il ds ha parlato anche della ripresa della Serie A:

“Ho vissuto il Covid in prima persona. Il mio primo pensiero va a tutte le famiglie che hanno perso in modo tragico i loro familiari, non hanno potuto dare una carezza, bacio, non hanno potuto fare il funerale. Niente. Io mi sento quasi un messaggero, e il mio messaggio è uno: positività. Nella nostra famiglia, si sono ammalati in 9, il virus l’ho portato in casa io: mia moglie, mia figlia, i miei cognati e i nipoti. E soprattuto ai miei suoceri, per cui ho avuto molta paura. Sono stati ricoverati trenta giorni, e per fortuna sono stati allo Spallanzani, uno dei migliori centri al mondo per questo virus.

Un virus subdolo, bastardo. Fa male. Non riesci ad alzarti dal letto, hai febbre alta, sudore, diarrea, tosse. E la preoccupazione diventa tanta: quando vedi che le persone intorno a te si ammalano, e poi addirittura arriva l’ambulanza per ricoverare i tuoi suoceri, senti davvero cose che ti toccano in primo piano. Per fortuna l’abbiamo passata e io sarò sempre un portavoce sulle misure da seguire.

abbiamo avuto tanti casi: ci siamo chiusi appena è successo tutto, con tutte le precauzioni. Come la Sampdoria. Solo che non c’erano tamponi, non c’era il test sierologico: il virus era in casa nostra e lo abbiamo sviluppato in tanti. Ma quando hai precauzioni e accorgimenti, sai che puoi ripartire. E io lo dico, sarò testimone di questo: il calcio sarà un veicolo giusto per la nostra nuova vita, perché con il virus dovremo convivere. È importante riprendere a giocare: dopo le pandemie c’è una rinascita, si riparte dalle cose popolari. E il calcio lo è. E al di là del fatto che ci lavorino in tanti, è parte della nostra vita, della nostra socialità. Deve ripartire.

Ed è la dimostrazione che non sia un mondo brutto, come a volte si dice. Tutti sapevano che fossi stato male, compresi i giornalisti. Ed è stata rispettata la mia privacy, mi ha fatto molto piacere. Come ho apprezzato la famiglia Lotito, che mi è stata molto vicina”. Ma c’è l’amore per la Fiorentina prima di tutto. E della Fiorentina. La famiglia Commisso mi chiamava tutti i giorni, Joe Barone tre volte al giorno. E poi è successa una cosa: a Pasqua ho ricevuto l’offerta di rinnovo contrattuale. Era una giornata particolare per me, mia suocera non stava bene, mi ha commosso. Se l’ho riportato firmato? Non serve più firmarli.

Dovrà tornare alla normalità, nel tempo. Skype e il telefono non vanno, non sono strumenti adatti: ci dobbiamo vedere. Staremo a distanza, certo, in attesa di poter stare meglio. La Fiorentina è forte e sana economicamente, come tutte le società del mondo dovremo stare molto attenti ai bilanci e a quel che si farà, ma non abbiamo necessità di svendere. I giocatori importanti non si svalutano, così come le case durante la crisi immobiliare. Perderà valore il giocatore medio, e per noi è un bene: non sarà più un mercato gonfiato come negli ultimi due anni. Chiesa? Ha un rapporto buonissimo con noi, così come Vlahovic, Milenkovic, Castrovilli. La Fiorentina deve essere un punto di arrivo, non di partenza: qui non si resta contro voglia. Ma tutti stanno capendo che c’è stato un cambiamento di direzione, che si vuole diventare competitivi.”

Giovanni Maria Varriale

Se vuoi sapere di più sul Napoli tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com