Interviste News

Lo Monaco: “Nuovo protocollo? Serie A, B e C equiparate. In caso di nuovo stop playoff e playout” [ESCLUSIVA]

Lo Monaco
A Radio Marte nel corso della trasmissione "Si gonfia la rete" di Raffaele Auriemma è intervenuto Pietro Lo Monaco, consigliere federale per la Serie C

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Pietro Lo Monaco, consigliere FIGC.

Lo Monaco: “Nuovo protocollo? Serie A, B e C equiparate. In caso di nuovo stop playoff e playout” [ESCLUSIVA]

“Situazione calcio? I dilettanti si sono fermati, la Serie A – come si è sempre pensato – potrebbe avere la possibilità di riprendere il cammino interrotto al propagarsi della malattia. La FIGC ha deliberato determinati accorgimenti equiparando la Serie A alla Serie B e alla C intendendo che sono tutti professionisti e quindi devono riprendere l’attività. Qualora non ci fosse la possibilità di riprendere si andrebbe con playoff e playout. Qualora non si potessero fare, si passerà a una classifica tenendo bene a mente l’aspetto meritocratico.

Secondo me la Serie C non può riprendere, c’è troppa differenza. C’è la volontà chiara della Serie B, per volontà del Presidente Balata, di essere sullo stesso livello della Serie A. In Serie C però c’è grandissima difficoltà a ottemperare al protocollo, che fino a questa mattina non era stato pubblicato e che è uguale per tutte le serie professionistiche. Secondo me la C avrebbe grandi difficoltà a riprendere, penso sia quasi impossibile. Si tratta di trovare una soluzione che cristallizzi le classifiche e dia la disponibilità di sancire promozioni e retrocessioni, anche perché bloccare queste ultime sarebbe un problema. Si rischia una Serie C a 68 squadre.

Serie A può ripartire il 20 giugno? Inevitabile che 4-5 settimane di lavoro prima di ricominciare siano obbligatorie. C’è un milione di lavoratori che gravita intorno al calcio. Tamponi? Il protocollo in un primo momento era rigidissimo, ora è stato limato e credo sia un protocollo normale da rispettare per una società professionistica, evitando il più possibile il rischio perché la cosa più grave e atroce sarebbe un ritorno della malattia. Questo ci manderebbe tutti quanti in grave difficoltà. Ci sono stati diversissimi casi, c’è stato anche nel calcio: io dico che la precauzione non è mai troppa. Vedere in Germania le squadre che arrivavano allo stadio arrivare con due pullman differenti. In Serie A è possibile ma in Serie C mi sembra una cosa difficile. La Serie A è anche giusto che riprenda la normalità, anche perché significherebbe una botta di ossigeno per il Paese.

Prossimo step? Il 28 c’è l’incontro tra Spadafora e le varie componenti. Poi l’8 giugno ci sarà un consiglio federale nel quale secondo me si sanciranno determinate cose in maniera definitiva”.

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DEL 22 MAGGIO

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com