Cagliari Interviste News

Cagliari, Zenga: “Il presidente è arrabbiato. Essere in discussione fa parte del gioco. Non mi aspetto regali dalla Juve”

Zenga

Il tecnico si gioca la conferma sulla panchina del Cagliari contro i Campioni d’Italia e il Milan. Due partite di fuoco a cui il tecnico si dice preparato ad ogni evenienza, nonostante la sua squadra non abbia nulla da perdere.

Cagliari, Zenga: “Il presidente è arrabbiato. Essere in discussione fa parte del gioco. Non mi aspetto regali dalla Juve”

“La Juventus è una grande squadra, non regalerà nulla a prescindere dal momento – ha dichiarato Walter Zenga -. Mi aspetto piuttosto un Cagliari spensierato che riesca a giocarsi le sue carte, giocando all’attacco e pensando a vincere. La vittoria ci manca da un po’, ma a parte Genova e un tempo a Verona, la squadra si è sempre espressa bene. I numeri a volte condannano anche le prestazioni più attente. Si è fatto male anche Nandez. Sembra un percorso di montagne russe,  stiamo perdendo gli elementi più rappresentativi.Quando la squadra ha trovato la caratura si è espressa a buon livello, ma il problema è che in questo periodo manca il tempo di lavorare sulla tattica. Un allenatore in due mesi così incide poco o niente. Essere messo in discussione fa parte del gioco, mi dispiace quando vedo attacchi personali o quando si discute la squadra: ma mi piacerebbe anche che qualcuno ipotizzasse il fatto di poter anche allenare questa squadra settimanalmente. Il presidente è giustamente arrabbiato per com’è finita la stagione, così com’è normale che in uno spogliatoio i toni possano essere accesi. Se uno non è contento è giusto che esprima la sua contrarietà nei modi giusti. Giulini fa bene a pensare a cosa fare per il futuro. Abbiamo avuto qualche problema, ma poi sì, si poteva sicuramente fare di più”, ha concluso Zenga.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com