Interviste Napoli OF News

Juventus-Napoli, Maresca: “Fossi nel club azzurro porterei il caso alla Procura della Repubblica”

Il pm anticamorra Catello Maresca ribadisce il suo pensiero al Corriere della sera sul caso Juventus-Napoli, o meglio sul provvedimento della Corte federale d’appello presieduta da Sandulli. E abbozza una linea difensiva, proprio come aveva dichiarato qualche giorno fa alla nostra redazione.

Juventus-Napoli, Maresca: “Fossi nel club azzurro porterei il caso alla Procura della Repubblica”

“Paradossalmente – afferma Maresca -, se io fossi il Calcio Napoli solleverei un accertamento penale. Perché la Corte D’Appello ha ipotizzato un reato: ovvero i dirigenti del Napoli in combutta con i funzionari dell’Asl e quelli della Regione. È un reato di frode sportiva. Se è vero, credo che l’unico posto deputato ad esaminare ciò sia la Procura di Repubblica di Napoli o quella di Napoli Nord a seconda della competenza territoriale. Diciamo che voglio seguire questa ipotesi: se è vera ci aspettiamo condanne ma se è falsa si archivia e si configura il reato di calunnia che è procedibile d’ufficio. Al Coni non mi aspetto nulla di diverso. Al Tar si apre un altro scenario. La sentenza numero 260 ha stabilito che di regola quando sono esauriti i gradi di giustizia sportiva, si vada al Tar del Lazio e che ci sia solo una funzione risarcitoria. Si potrebbe derogare, concedendo una sorta di “risarcimento economico” come la ripetizione della partita. Lo spero, ma non ci credo”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com