Altre squadre Interviste News

Premier League, il caso Stiles fa giurisprudenza: “Stop a colpi di testa in allenamento se portano a demenza”

Lo hanno detto diversi manager della Premier League da quando l’argomento è venuto alla ribalta dopo la morte della bandiera dello United Nobby Stiles, venuto a mancare lo scorso 30 ottobre.

Premier League, il caso Stiles fa giurisprudenza: “Stop a colpi di testa in allenamento se portano a demenza”

“Se scoprono attraverso la ricerca che colpire la palla di testa dieci volte durante l’allenamento causerà in seguito demenza, allora fermiamo questa cosa”, ha detto ai giornalisti il ​​tecnico del West Bromwich Albion Slaven Bilic. “Per me, la cosa grandiosa è che ne parlano e lo riconoscono”. Frank Lampard, manager del Chelsea, dichiara che ora sta valutando come si allenano i suoi giocatori e ha favorito “le regole per frenare il calcio giovanile prima di implementare le linee guida a livelli superiori. Le regole devono essere più forti per assicurarci che non stiamo facendo in modo che i bambini più piccoli lo capiscano se non ne hanno bisogno. Dobbiamo iniziare con il calcio giovanile. Quando i bambini si stanno sviluppando, possiamo controllare i livelli di formazione. Qualsiasi cosa possiamo fare per rendere le cose più sicure, dovremmo farla”. Dean Smith, tecnico dell’Aston Villa, al cui padre è stata diagnosticata la demenza prima di morire di Covid-19, ha fatto eco ai pensieri di Bilic sulla necessità di ulteriori ricerche: “La demenza e l’Alzheimer sono più diffusi in tutto il mondo ora, purtroppo, ma penso che se c’è una correlazione tra o colpi di testa nel calcio e la demenza, allora dobbiamo fare qualcosa. All’epoca i palloni erano più pesanti. Siamo tutti rattristati per gli ex giocatori che soffrono di demenza”.

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com