Interviste News Roma

Roma, Fonseca: “Dzeko? Tutto risolto. E non ho mai sentito la panchina a rischio”

fonseca
during the Serie A match between AS Roma and Parma Calcio at Stadio Olimpico on July 8, 2020 in Rome, Italy.

Il tecnico portoghese dei giallorossi chiarisce la querelle Dzeko (“tutto risolto con lui”), e mette in guardia i suoi in vista dell’Europa League: “Una competizione molto difficile che diventa una sorta di mini Champions”.

Roma, Fonseca: “Dzeko? Tutto risolto. E non ho mai sentito la panchina a rischio”

In attesa della conferenza di stasera in Portogallo (con Ibanez) alla vigilia dell’andata con il Braga, Paulo Fonseca parla alla Uefa e a “O’ Jogo”, analizzando il momento dei suoi: “Intanto ho già avvertito tutti: il Braga ha un bel gioco e sarà una partita molto difficile. Per quanto riguarda noi, stiamo bene, siamo motivati e attraversiamo un buon momento. Abbiamo dei problemi in difesa, dove non avremo né Smalling né Kumbulla. Dal centrocampo in su, siamo invece a pieno organico e sarà a disposizione anche El Shaarawy, nonostante non sia al 100%. Il campionato? Siamo terzi e molti ci davano inizialmente al sesto/settimo posto. Stiamo giocando bene, siamo motivati e l’obiettivo è di tornare in Champions, pur essendo consapevoli che in Serie A ci sono 6-7 squadre molto forti. La Serie A è tra i 5 migliori campionati in Europa, con il numero più alto di squadre in lotta per la Champions. Difficile prevedere cosa accadrà, ma la nostra ambizione è di tornare in Champions”. Sulla fatica che spesso la Roma fa nei big match Fonseca ribadisce: “Non posso negarlo, ma è un problema di risultato e non di prestazione. Poi conta anche l’esperienza. Abbiamo una squadra molto giovane, soprattutto in difesa. L’esperienza in questo tipo di gare conta molto in Italia. Essere un allenatore qua è molto impegnativo e molto diverso da quello che mi aspettavo. Ma, 18 mesi dopo, posso tranquillamente affermare che abbiamo creato un’identità di squadra. I giocatori ora sono più ambiziosi e, come allenatore, sento anche di aver perfezionato la mia tecnica per quello che concerne l’allenamento. In questi 18 mesi sento che la squadra ha fatto grandi progressi e sento che ora siamo molto più forti di quando sono arrivato qui. La Roma è un club ambizioso e si avvicina sempre di più alla vittoria di titoli, cosa che non ha fatto negli anni. Niente mi soddisferebbe di più che regalare un titolo ai tifosi della Roma, che sono meravigliosi e con tanta passione per la loro squadra.”

Se vuoi sapere di più sul Napoli, tieniti sempre aggiornato con www.gonfialarete.com